ARGENTINA, BOLIVIA, CILE

Atacama, Uyuni e la Quebrada

14 giorni - 11 notti / viaggio individuale
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Obbligatorio e indirizzo email valido
Campo obbligatorio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

Un viaggio nel cuore della geografia e della storia del Sudamerica.

Nel 1535 gli Spagnoli iniziarono l’occupazione dell’Alto Perù, pressappoco corrispondente all’attuale Bolivia, che dominarono per i tre secoli seguenti. Nel 1545 furono scoperti i giacimenti d’argento del Cerro Rico di Potosì, a 4.000 m.s.l.m., dove trovarono la morte milioni di schiavi indigeni e africani per estrarre quell’argento che arricchì la Spagna e l’Europa. Potosì divenne la maggiore città dell’America del Sud e la sua popolazione raggiunse i 160.000 abitanti. Esistevano diverse vie per portare il prezioso minerale dal cuore del Cerro Rico fin sulle navi dei coloni. La più avventurosa e spettacolare è quella che ripercorriamo a ritroso in questo programma, da Buenos Aires a Salta e oltre, attraverso i profondi canyon della Quebrada de Humahuaca e gli sterminati altipiani boliviani. Una volta arrivati a Potosì lasciamo un attimo da parte la storia, per raggiungere alcune delle zone più remote del continente, il Salar de Uyuni e la regione delle Lagune multicolore, per terminare nella serena oasi di San Pedro de Atacama, nel nord del Cile.

Viaggio con assistenza di guide locali parlanti italiano (soggetto a riconferma) o spagnolo

Programma di viaggio

1° giorno: ITALIA - BUENOS AIRES

Partenza dall’Italia con volo di linea intercontinentale per Buenos Aires. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno: BUENOS AIRES

Arrivo a Buenos Aires, trasferimento e sistemazione in hotel (early check-in su richiesta e soggetto a disponibilità). Nel pomeriggio visita della Plaza de Mayo, la Cattedrale, il Cabildo, la Casa Rosada, il quartiere del tango di San Telmo dove ogni domenica si svolge il pittoresco mercato dell’antiquariato, il variopinto Caminito de La Boca. Pernottamento

3° giorno: BUENOS AIRES - SALTA

Prima colazione. Al mattino proseguimento della visita della città, con i quartieri della Recoleta e Palermo. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto (solo autista) e partenza con volo per Salta. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. Pernottamento.

Durata volo Buenos Aires – Salta: circa 2 ore e 20 minuti
Altitudine massima: 1.454 m.s.l.m

4° giorn: SALTA - PURMAMARCA

Prima colazione. Mattina dedicata alla visita del centro storico della città. Nel pomeriggio partenza verso le regioni più settentrionali dell’Argentina raggiungendo Purmamarca, pittoresco villaggio che sorge ai piedi della Montagna dei 7 colori in mezzo a un paesaggio meraviglioso. Sistemazione in hotel e pernottamento.

5° giorno: PURMAMARCA - QUEBRADA DE HUMAHUACA - YAVI

Prima colazione. In mattinata partenza attraverso la Quebrada de Humahuaca con sosta per la visita di di Tilcara e Humahuaca, che hanno visto transitare per secoli le carovane cariche di argento che scendevano dall’altopiano sfruttando questa naturale via di comunicazione verso la pianura della pampa argentina. Nel pomeriggio trasferimento a Yavi al confine con la Bolivia e sistemazione in hotel (sistemazione semplice). Pernottamento.

6° giorno: LA QUIACA- TUPIZA - POTOSI'

Prima colazione. In mattinata disbrigo delle formalità doganali e partenza per Potosí, attraversando la regione di Tupiza, le cui rocce si accendono con l’intensa luce andina in varie gradazioni di rosso. Arrivo nel tardo pomeriggio e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

7° giorno: POTOSI'

Prima colazione. In mattinata visita della città e dei luoghi più significativi: La Plaza principale, il magnifico palazzo della Real Casa de la Moneda, le eleganti chiese e il museo di Santa Teresa che ospita numerose opere pregiate tra cui la Madonna dello scultore Alonso Cano, diversi quadri Melchor Pérez de Holguín, il più famoso pittore della Bolivia. Nel pomeriggio visita dell’affascinante Convento di Santa Teresa che ospita numerose opere pregiate tra cui la Madonna dello scultore Alonso Cano, diversi quadri Melchor Pérez de Holguín, il più famoso pittore della Bolivia. Cena e pernottamento.

8° giorno: POTOSI - SALAR DE UYUNI

Prima colazione. In mattinata partenza per Uyuni attraversando villaggi isolati costruiti in mattoni di terra e paglia. Il paesaggio cambia continuamente, alternando tratti pianeggianti dove brulicano centinaia di camelidi andini, vallate sui cui versanti la natura si è sbizzarrita ad inserire rocce e terre dalle mille tonalità, come in un’immensa, primordiale tavolozza di colori. Una volta giunti a Uyuni, visita del “cimitero dei treni”, un curioso museo ferroviario a cielo aperto. Proseguimento per la località di Colchani e sistemazione in hotel (sistemazione semplice). Cena e pernottamento.

9° giorno: SALAR DE UYUNI - SAN PEDRO DE QUEMES

Prima colazione. Visita al villaggio di Colchani con i tradizionali impianti di estrazione e trasformazione del sale e proseguimento lungo l’immenso deserto di sale con sosta per la vista di Isla Incahuasi, una formazione vulcanica al centro del Salar dove si ergono cactus giganti alti più di 5 metri. Dalla cima dell’isola si ammira l’immensità del salar a 360°. Pranzo box-lunch in corso di escursione. Proseguimento per la Cueva de las Monias e San Pedro de Quemes. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

10° giorno: SAN PEDRO DE QUEMES - VILLAMAR

Prima colazione. Partenza dal Salar in direzione sud per inoltrarci nel cuore dell’altopiano andino attraversando paesaggi che tolgono il fiato e che non possono lasciare indifferenti neppure i esperti. Si viaggia a ridosso della frontiera cilena sempre sul filo dei 4.000 metri toccando numerose lagune di altura, come la Laguna Cañapa spesso popolata da fenicotteri, la Laguna Hedionda dai colori irreali dovuti ai minerali disciolti nelle sue acque, incantevole nella luce chiara e abbagliante dell’altopiano andino. Pranzo box-lunch in corso di escursione. Sistemazione in hotel (sistemazione semplice). Cena e pernottamento.

11° giorno: VILLAMAR - LAGUNA COLORADA - SAN PEDRO DE ATACAMA

Prima colazione. Prima colazione. Proseguimento del viaggio fino ad arrivare alla frontiera con il Cile sostando presso i Geysers di Sol de Mañana, le Termas de Polques, la Laguna Verde e soprattutto la Laguna Colorada, dove si potranno ammirare i “flamingos” (fenicotteri) e l’incredibile contrasto tra il colore rosso della laguna ed il bianco della zona circostante. Pranzo box-lunch in corso di escursione. Al confine, disbrigo delle formalità doganali e proseguimento per San Pedro de Atacama. Sistemazione all’Hotel Kimal*** o similare. Pernottamento.

12° giorno: SAN PEDRO DE ATACAMA

Prima colazione. Giornata libera. Pernottamento.

13° giorno: PARTENZA DA SAN PEDRO DE ATACAMA

Prima colazione. Trasferimento all’aeroporto di Calama (servizio collettivo con solo autista) e partenza con volo di linea per l’Italia con cambio di aeromobile a Santiago. Pasti e pernottamento a bordo.

14° giorno: ARRIVO IN ITALIA

Arrivo in Italia e termine del viaggio.

Descrizione località:

  • SALTA:

    Fondata nel 1582, Salta si trova nel cuore del nord-ovest dell’Argentina, base ideale per scoprire le bellezze naturali e la cultura delle Ande. Incorniciata da colline e fertili valli, Salta vanta inoltre un invidiabile clima primaverile. La Piazza 9 de Julio è il centro della città, dove si affacciano belle case e palazzi coloniali dai colori pastello tra i quali il Cabildo che ospita il Museo Storico, Il centro culturale America, il teatro, la Cattedrale che custodisce un bell’altare barocco e l’interessante MAAM (Museo Archeologico di Alta Montagna). Il museo espone reperti archeologici inca e le mummie dei bambini ritrovate intatte in cima al vulcano Llullaillaco a 6.700 m.s.l.m che si ipotizza siano stati offerti in sacrificio rituale insieme ad argento, oro e tessuti. Nelle vicinanze si trovano inoltre la Chiesa di San Francisco che possiede una bella facciata riccamente decorata ed il Convento di San Bernardo con la porta di legno finemente intagliata. Salta offre per di più una vivace vita notturna con le famose peñas dove ascoltare musica folcloristica, provare i piatti tipici della regione e le famose empanadas che sono assolutamente da assaggiare.

  • PURMAMARCA:

    Pittoresco villaggio della popolazione quechua ai piedi della spettacolare Montagna dei Sette Colori, un arcobaleno di sedimenti minerari, dove predominano colori come l’ocra, il porpora, il rosso ed il giallo, le cui tonalità cambiano a seconda del riflesso dei raggi solari.

  • QUEBRADA DE HUMAHUACA:

    La zona di Humahuaca, è circondata da villaggi indigeni unici nella loro apparente immutabilità nel corso dei secoli. La natura si manifesta potentemente nella Quebrada (gola), incisa in rocce antichissime e circondata da montagne multicolori che creano un effetto cromatico unico al mondo.

  • POTOSI':

    Potosí è il più antico e uno dei più importanti centri minerari della Bolivia. Venne fondata dagli spagnoli nel 1545, in seguito alla scoperta di ricchi giacimenti di argento del Cerro Potosì (che in indio quechua significa “la cosa grande”), detto anche il Cerro Rico. Le straordinariamente ricche miniere resero la città (e l’intero impero spagnolo) estremamente florida, ricchezza oggi riecheggiata dai magnifici palazzi e monumenti: la Plaza principale, il palazzo della Real Casa de la Moneda, le eleganti chiese e il museo di Santa Teresa.

  • UYUNI E SALAR DE UYUNI

    UYUNI
    Sarà lo stesso viaggio in direzione sud-ovest, verso Uyuni, ad offrire le emozioni più intense. Punteggiato da isolati villaggi costruiti in mattoni di terra e paglia, il paesaggio cambia continuamente, alternando tratti pianeggianti dove brulicano centinaia di camelidi andini, a vallate fiancheggiate da rocce e terre dalle mille tonalità, come in un’immensa, primordiale tavolozza di colori. Giunti ad Uyuni, la sua visita comprende un curioso cimitero dei treni e un impianto di produzione del sale.

    SALAR DE UYUNI
    L’altipiano Boliviano un tempo era coperto da un vasto lago, il Minchin, che una volta prosciugato divenne l’immenso Salar de Uyuni che racchiude circa 12.000 chilometri quadrati, la distesa di sale più vasta del mondo ad un’altitudine di 3.656 metri. Durante l’inverno boliviano che va da dicembre a febbraio, il Salar è coperto d’acqua e si trasforma in un gigantesco specchio che offre un’incredibile spettacolo notturno con le stelle che si riflettono nell’acqua e si fondono creando un infinito miraggio. Non ci sono strade che attraversano il salar, ma solo tracce lasciate dalle jeep durante la stagione secca quando la vista del salar è impressionante e il bianco accecante contrasta con il blu intenso del cielo, si perde all’orizzonte e sullo sfondo, quasi come un miraggio galleggiante, si trova il vulcano Tunupa, montagna considerata sacra per le comunità indigene locali. Nel mezzo del deserto di sale si trovano delle isole di origine vulcanica come l’Isla Incawasi, un oasi ricoperta di cactus giganti, alcuni con più di cent’anni che possono raggiungere anche 12 metri d’altezza e la piccola Isla del Pescado conosciuta anche come Isla Cujiri.

  • ISLA INCAHUASI:

    La Isla Incahuasi, una impressionante formazione vulcanica che sorge al centro del Salar, dove si ergono cactus giganti alti più di 5 metri. Salendo fino ai piedi del Vulcano Tunupa si apprezzerà in modo completo il fantasmagorico panorama del deserto di sale all’ora del tramonto.

  • LAGUNA CAÑAPA - LAGUNA HEDIONDA

    LAGUNA CAÑAPA
    Laguna Cañapa è uno splendido lago salato a 4.151 metri di quota circondato da alte montagne e spesso popolato da fenicotteri.

    LAGUNA HEDIONDA
    La Laguna Hedionda è un lago salato nella provincia di Nor Lipez. E’ incastonata tra le innevate vette andine, ed è posta ad un’altitudine di 4.100 metri sul livello del mare.

  • SAN PEDRO DE ATACAMA

    Il pittoresco villaggio di San Pedro de Atacama si trova a 2440 m.sl.m e si è trasformato nel corso degli ultimi anni da cittadina mineraria in zona turistica, con viali alberati, case di adobe, un’antica piazza dove si affacciano l’edificio municipale e la chiesa di San Pedro risalente al 1774, bar e ristoranti, negozi di artigianato e l’imperdibile Museo Arqueológico R. P. Gustavo Le Paige che raccoglie più di 380.000 reperti provenienti dalla regione e risalenti alla cultura atacameña. Il paese è un ottimo punto di partenza per visitare le bellezze naturalistiche della zona.

  • LAGUNA VERDE - LAGUNA COLORADA

    LAGUNA VERDE
    Questa laguna, di un colore verde intenso, è circondata da un soffice strato di borace, polvere di colore bianco che ne evidenzia ancora di più i colori smeraldini. Sullo sfondo, la spettacolare sagoma del vulcano Licancabur rende questo luogo ancora più magico.

    LAGUNA COLORADA
    La Laguna Colorada con una superficie di 60 kmq si trova a 4.278 m.s.l.m. ed è caratterizzata dal colore rossastro delle sue acque dovuto all’alta concentrazione di minerali, sedimenti e ad un’alga rossa. La laguna è l’habitat di tre specie di fenicotteri andini, fa parte della Riserva Nazionale di Fauna Andina Eduardo Avaroa ed è contraddistinta dalla presenza di specie uniche di fauna che si sono adattate alle condizioni estreme di vita nella regione, alcune delle quali in via di estinzione. I suoi laghi, salares, vulcani, cime innevate, pianure, sorgenti termali, fiumi ricchi di alghe e plancton e flora tipica donano alla zona un fascino unico e irresistibile. A breve distanza si incontrano i geysers “Sol de la Mañana” a 4.900 m.s.l.m., un insieme di fumarole che emettono colonne di vapore che possono raggiungere gli 80/100 metri e crateri vulcanici dove si può osservare la lava in ebollizione.

Informazioni sul viaggio:

Attenzione:
Segnaliamo che il tour si svolge in gran parte ad altitudini superiori ai 3.500 m.s.l.m. L’ordine delle tappe tuttavia è studiato in modo tale da limitare il più possibile i disturbi per l’altitudine.

Nelle regioni più remote le condizioni meteorologiche potrebbero talvolta condizionare lo stato delle piste e di conseguenza lo svolgimento di alcune delle visite descritte.
E’ pertanto molto importante avere un buon spirito di adattamento e flessibilità per affrontare questo tipo di viaggio.

Si raccomanda di portare indumenti caldi, il clima può essere molto rigido soprattutto nel periodo secco corrispondente alla nostra estate.

Il programma potrebbe subire delle variazioni senza modificare il contenuto delle visite.

  • le sistemazioni:
    • Buenos Aires: Hotel NH 9 de Julio 4*
    • Salta: Hotel Design Suites 4*
    • Purmamarca: Hotel La Comarca 4*
    • Yavi: Hotel Pachama 3* (sistemazione semplice)
    • Potosí: hotel 3*
    • Colchani: sistemazione semplice
    • San Pedro de Quemes: sistemazione semplice
    • Villamar: sistemazione semplice
    • San Pedro de Atacama: Hotel Kimal 3*

     

    N.B. Le sistemazioni previste potrebbero essere sostituite con altre similari di pari categoria

Approfondimenti sui Paesi:

Vuoi maggiori informazioni sull’Argentina? Clicca qui

Vuoi maggiori informazioni sulla Bolivia? Clicca qui

Vuoi maggiori informazioni sul Cile? Clicca qui

Prezzi e date:

14 giorni – 11 notti
Partenze individuali giornaliere, minimo 2 partecipanti, con assistenza di guide locali parlanti Italiano (soggetto a riconferma) o spagnolo

Quote per persona “a partire da”, voli NON inclusi:

partenze in camera doppia supplemento singola
Dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2021 € 4.980  su richiesta

VOLI: non inclusi, verranno quotati alla miglior tariffa disponibile al momento della prenotazione

Quota individuale di gestione pratica: € 95

Assicurazione:
– medico-bagaglio:
 inclusa nelle quote
– annullamento
: da quotarsi in base al costo totale del viaggio

La quota comprende:

  • Franchigia bagaglio 20 Kg. (salvo eccezioni indicate nella documentazione di viaggio)
  • Hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base camera doppia standard (due letti singoli, il letto matrimoniale non è mai garantito)
  • Trattamento indicato nel programma
  • Trasferimenti, visite ed escursioni con servizio privato e guide locali parlanti italiano (soggetto a riconferma) o spagnolo
  • Il trasferimento San Pedro de Atacama/Calama collettivo con solo autista
  • L’assicurazione medico-bagaglio
  • La polizza Viaggi rischio Zero
  • Gadget previsti e documentazione informativa

La quota non comprende:

  • Voli intercontinentali ed interni e relative tasse aeroportuali
  • La Polizza a copertura delle penali d’annullamento del viaggio
  • Le bevande, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative
  • La quota individuale di gestione pratica
  • Tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”

Formalità d'ingresso:

ARGENTINA: Informazioni utili
Scopri di più
ARGENTINA: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, in corso di validità. Le competenti autorità locali non richiedono che il passaporto abbia una durata residua minima. Considerato tuttavia che il limite per i soggiorni turistici è di 3 mesi, con possibilità di chiedere una proroga fino a sei mesi, si consiglia di viaggiare con un passaporto che abbia una durata residua di almeno 6 mesi.
Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI
Viaggio all’estero di minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – Documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto d’ingresso: non necessario per soggiorni turistici inferiori a tre mesi.
Si consiglia in ogni caso di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Formalità valutarie: All’arrivo, i viaggiatori maggiori di 16 anni devono presentare una dichiarazione scritta alle Autorità doganali se in possesso di denaro contante o strumenti monetari in valuta straniera o locale per valori uguali o superiori a 10.000 dollari USA (5.000 dollari USA per minori di 16 anni).
E’ consentito uscire dal Paese con valuta straniera in contanti o metalli preziosi per un valore inferiore alla soglia di 10.000 dollari USA (5.000 dollari USA per minori di 16 anni).
Il possesso di valuta locale per importi equivalenti o superiori deve essere dichiarato all’autorità doganale.
Per quanto riguarda le operazioni di cambio all’Aeroporto, è possibile acquistare pesos all’arrivo per un totale non superiore all’equivalente di 500 dollari USA al tasso di cambio ufficiale del giorno.
Sulla base di disposizioni interne del Banco Nación Argentina, unico ente che è rimasto abilitato alle operazioni di cambio all’Aeroporto di Ezeiza dal 26/07/12, in uscita è possibile cambiare pesos in valuta straniera soltanto se si può dimostrare di aver acquisito pesos presso lo stesso sportello al momento dell’ingresso al Paese.
In tutte le grandi città del Paese, esiste una rete molto diffusa di sportelli bancari automatici per il prelievo di moneta locale con carta bancomat o di credito anche straniera, entro i limiti giornalieri prestabiliti dalla locale rete bancomat e dalla banca italiana d’origine.

BOLIVIA: informazioni utili
Scopri di più
BOLIVIA: informazioni utili

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L’INGRESSO NEL PAESE:

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso; necessario biglietto di andata e ritorno.
Per le eventuali modifiche relative a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI
Viaggio all’estero di minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – Documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto di ingresso: non necessario, fino a tre mesi di permanenza nel Paese. Poiché, generalmente, le Autorità di frontiera, in mancanza di indicazioni diverse da parte del turista, appongono un timbro per un  soggiorno di 30 giorni, si raccomanda a coloro che intendano soggiornare oltre i 30 giorni ma non oltre i 90 giorni, di dichiararlo al momento dell’ingresso alle suddette Autorità.

Formalità valutarie e doganali: va dichiarato alla dogana l’ingresso di valuta superiore a 10 mila dollari statunitensi (o equivalente in altra moneta).

CILE: Informazioni utili
Scopri di più
CILE: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto d’ingresso: non necessario, per turismo fino a tre mesi (90 giorni) di permanenza nel Paese.
Si raccomanda di fare attenzione a non smarrire la copia del foglietto di immigrazione compilato all’atto di ingresso nel Paese, necessario per l’uscita dal Cile. In caso di furto occorre  denunciarlo immediatamente.

Formalità valutarie: nessuna. Non è possibile fare ingresso in Cile con importi in contanti non dichiarati superiori ai 10.000 USD.
La valuta straniera in Cile può essere liberamente cambiata nel Paese. Il Peso è convertibile in tutte le monete. Le Società commerciali sono, sotto il profilo giuridico, simili a quelle italiane.
Ulteriori informazioni sono reperibili consultando i seguenti siti: http://www.ambsantiago.esteri.it ;
http://www.infomercatiesteri.it/paese.php?id_paesi=40#slider-2

Controlli fitosanitari alle frontiere: al momento dell’ingresso nel Paese viene richiesto ai viaggiatori di compilare un modulo nel quale si dichiara l’eventuale presenza di frutta, miele, prodotti di origine vegetale (tra cui manufatti in legno) o animale (formaggi, insaccati, ecc.) ed altro.
Si invitano i viaggiatori a prestare particolare attenzione nella compilazione di tale dichiarazione, poiché vengono realizzati controlli capillari presso tutte le frontiere di ingresso (terrestri, portuali ed aeroportuali) da parte del SAG (Servicio Agricola y Ganadero), che provvede all’attento esame dei veicoli e di tutti i bagagli, anche tramite apparecchiature a raggi X.
Nel caso di rinvenimento di prodotti il cui ingresso e’ vietato nel Paese, essi vengono sequestrati e distrutti. Nel caso in cui non si sia provveduto a dichiararne il possesso, vengono applicate sanzioni pecuniarie anche rilevanti.
Onde evitare inconvenienti, si suggerisce di visionare preventivamente il sito web del SAG (www.sag.cl) nella sezione ingreso/salida de Chile/pasajeros, dove sono elencati i prodotti autorizzati e quelli vietati.
In caso di dubbio sul contenuto del proprio bagaglio o su specifici oggetti, si consiglia di dare risposta affermativa nella dichiarazione circa la possibile presenza di prodotti di origine animale o vegetale, lasciando ai funzionari del SAG la facoltà di identificare l’eventuale presenza di prodotti effettivamente vietati: in tal caso, i prodotti che dovessero essere rinvenuti verrebbero sequestrati, senza incorrere in sanzione alcuna.