RANGIROA

Polinesia Francese, Isole Tuamotu

durata del soggiorno: libera
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Obbligatorio e indirizzo email valido
Campo obbligatorio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

Un anello di spiagge infinite, formato da sabbia bianchissima ricoperto di palme da cocco, alberi del pane e macchie odorose, che racchiude una laguna incantata, azzurra e tranquilla. Le onde si infrangono lontane, sulla barriera corallina esterna e dall’interno della laguna un giardino sottomarino con oltre 400 specie di pesci e molluschi. Rangiroa significa “Cielo senza fine”: qui infatti, il mare si fonde all’orizzonte con il cielo, nascondendo l’estremità dell’atollo e dando così la sensazione di essere sospesi in aria. La sera ascolterete gli abitanti di quest’atollo dell’arcipelago delle Tuamotu cantare le leggende della storia e della vita di queste isole.

L'Isola:

Rangiroa, “il grande cielo” nella lingua Puamotu, é uno di quegli atolli che si sognano senza crederci troppo, uno di quei mondi fantastici alle porte dell’utopia che la mente ci propone quando l’immaginazione viaggia lontana, molto lontana… Ma non abbastanza lontana per rappresentarsi questa striscia d’isolotti, dove il blu del cielo s’immerge in una laguna turchese che potrebbe contenere l’isola di Tahiti ed i cui fondali ospitano un universo insospettato. Perché Rangiroa è il regno animale, una vita che si concentra nel canale del reef di “Avatoru”, celebre per le sue razze manta, e in quello di “Tiputa” rinomato per gli squali! In queste acque cristalline, i giochi di luce irreali sfiorano le migliaia di pesci multicolori che popolano la laguna : pesci pappagallo, farfalla, clown e le murene che convivono con le tartarughe a scaglie, gli squali Tapete a punta bianca e gli squali grigi. L’ebbrezza prosegue fino al calar del sole, con lo spettacolo dei grandi delfini che danzano nelle onde e, per i più fortunati, la felicità di udire, nella stagione, i canti commoventi delle balene risalenti dagli abissi.

Se Rangiroa é conosciuta in tutto il mondo come paradiso dell’immersione subacquea, l’atollo offre anche innumerevoli possibilità di escursioni. Una escursioni alle “sabbie rosa”, luogo di bagno privilegiato, oppure una gita in barca fino a Taeo, isolotto rinomato per la sua varietà di pappagalli blu o all’isola dei reef, disseminata di formazioni coralline dalle forme bizzarre (Feo), daranno al visitatore un’occasione supplementare di scoprire questo quadro naturale prodigioso.

I trasferimenti dall’aeroporto fino all’hotel possono essere assicurati dal pittoresco “truck”, se non addirittura personalmente dai proprietari delle pensioni. Il mezzo ideale consigliato per spostarsi successivamente e visitare I luoghi di Rangiroa è la barca, speed boat o fuori bordo, indispensabile in tutti questi atolli dalle immense distese di acqua.

La quotazione del volo e dell’itinerario del viaggio sono preparati su misura e secondo le specifiche esigenze del cliente, data la specificità della destinazione e delle varie possibilità di visite e soggiorni nei vari arcipelaghi Polinesiani.

  • ATTIVITA':

    Il più grande atollo della Polinesia, Rangiroa offre delle spiagge da sogno e delle barriere coralline classificate dal Comandante Cousteau come le più belle e le più ricche al mondo.

    Rangiroa è uno dei luoghi di immersione subacquea più rinomati al mondo. Dall’immersione di iniziazione all’esplorazione della laguna, dei canali e degli scogli scoscesi dell’oceano, i neofiti o i sub esperti ed esigenti saranno impressionati dall’eccezionale varietà e ricchezza della fauna sottomarina e dalla bellezza senza eguali dei suoi fondali e della sua flora. Il carattere eccezionale dei suoi luoghi è dovuto alla forte densità della fauna della laguna ed all’esistenza dei suoi due canali che provocano violente correnti in entrata ed in uscita. Tra le immersioni più spettacolari, spiccano quelle dei due canali o delle ripide scogliere dalle numerose caverne, che hanno nomi estremamente azzeccati ed evocativi : “le caverne”, “la grotta degli squali” o “lo spiovente e la pala a vento”. I nugoli di pesci chirurgo, triglie, napoleoni, procedono a fianco dei balletti maestosi delle razze manta o leopardo mentre sfilano i banchi di caranghe o di barracuda. Le sensazioni forti cominciano dall’incontro con gli onnipresenti squali: squali grigi “raira” dalla punta bianca vicino agli scogli e ai loro versanti scoscesi, e squali martello nei fondali alti. Un vero spettacolo!

    Si possono effettuare crociere all’interno della laguna di Rangiroa e crociere in immersione. Per approfondire ulteriormente la scoperta delle isole Tuamotu, le crociere della durata di una settimana possono dirigersi verso i vicini atolli di Manihi e Tikehau.
    Delle crociere “Robinson”, a bordo di catamarani lussuosi, o crociere “immersioni” a bordo di battelli specialmente equipaggiati.

    Una varietà di attività nautiche all’altezza dell’eccezionale bellezza di questi luoghi incantevoli: scoperta dei fondali sottomarini a bordo di battelli con fondo di vetro, escursioni in piroga a motore nella “laguna blu”, vero acquario naturale gigante, immersioni libere nei giardini di corallo, incontri con i delfini, gita all’isola dei reef, visita delle spiagge di sabbia rosa, pesca di altura.
    L’inevitabile escursione a bordo di una barca dal fondo in vetro è anche l’occasione per scoprire i due canali ed ammirare le evoluzioni dei delfini nelle onde del canale. L’escursione classica alla “Laguna blu”, ad un’ora di barca, vicino al Motu Taeoo, acquario naturale gigante in una stupenda laguna, incarna da sola il sogno polinesiano. Le miriadi di pesci nelle acque limpide invogliano all’immersione libera. I Motu che adornano di frange questo luogo ospitano diverse specie di uccelli rari, tra i quali i pappagallini, “vini ultramarina”. L‘escursione alla “isola degli scogli”, per ammirare le sue straordinarie formazioni coralline sopraelevate, può essere effettuata insieme a quella che conduce alle “sabbie rosa”, una miscela esplosiva di cielo blu, sabbie rosa ed acque turchesi della laguna.

    Due “passes” danno accesso all’oceano: Tiputa e Avatoru, dove si situano i due villaggi omonimi. Gli abitanti dell’atollo lavorano nelle coltivazioni di perle, pescano, raccolgono il copra o le conchiglie utilizzate per la confezione di collane.

HOTEL KIA ORA

Cat. 4 stelle
L’hotel Kia Ora è situato nella parte nord-occidentale di Rangiroa, a circa 10 minuti di macchina dall’aeroporto. La struttura, semplice ma confortevole, sorge direttamente su di una piccola striscia di sabbia bianca.

Dispone di 63 bungalows suddivisi in: 10 overwater con salotto e camera da letto separata, terrazza privata ed accesso diretto alla laguna; 19 beach con terrazza e jacuzzi; 3 deluxe beach con piscina privata; 3 beach suites con 2 camere da letto, ideali per famiglie; 5 garden suite bungalow con terrazza, salotto e camera da letto separata; 23 garden bungalows con terrazza privata. Tutte le camere dispongono di aria condizionata e ventilatore a soffitto, asciugacapelli, telefono, macchina per tea e caffè. Solo le sistemazioni overwater e beach dispongono di cassetta di sicurezza (chi soggiorna in sistemazione garden potrà depositare i valori presso la reception); inoltre gli Hotel Kia Ora overwater dispongono di minibar, mentre beach e garden di frigorifero.

A disposizione degli ospiti, piscina, servizio lavanderia, ristorante, bar, sala giochi, libreria, sala TV con DVD.

Possibilità di praticare gratuitamente snorkeling e tennis, mentre a pagamento immersioni, tour in barca con fondo di vetro, pesca d’altura, noleggio barche, biciclette e motorini.

L’hotel organizza inoltre escursioni per esplorare la laguna, la barriera corallina e le vicine spiagge con possibilità di picnic. Due sere la settimana sono previste serate polinesiane a tema con musica e danze.

Prezzi su richiesta

Approfondimenti sul Paese:

Vuoi maggiori informazioni sulla Polinesia Francese? Clicca qui

Formalità d'ingresso:

POLINESIA FRANCESE: Informazioni utili
Scopri di più
POLINESIA FRANCESE: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità di almeno 6 mesi dalla data di rientro. Poiché nella maggior parte dei casi l’ingresso in Polinesia francese avviene transitando dagli Stati Uniti, consultare anche la Scheda Stati Uniti).
Dopo gli avvenimenti dell’11 settembre 2001, vengono effettuati rigorosi controlli sui documenti d’identità all’aeroporto di Los Angeles (transito per la Polinesia francese, sottoposto ai controlli dell’Ufficio Immigrazione statunitense). Lo smarrimento del passaporto durante il soggiorno rende pertanto impossibile per il suo titolare il transito di ritorno negli Stati Uniti e, di conseguenza, impone la modifica del proprio itinerario di viaggio con connessi esborsi economici.  Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese se presenti in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di minori”.

Motivi di lavoro: le Autorità sono particolarmente rigide nel far rispettare il divieto nei confronti dei non residenti di esercitare un’attività lavorativa dipendente. Il contravvenente viene espulso immediatamente e dichiarato “persona non gradita”. Apposite norme disciplinano le autorizzazioni per avviare attività di lavoro autonomo sostenuto da investimenti.

Visto d’ingresso: non necessario per un soggiorno di tre mesi. Nel caso in cui la permanenza dovesse prolungarsi oltre tale termine, gli interessati dovranno indirizzare all’Alto Commissario, un mese prima della scadenza del trimestre, apposita domanda per ottenere il “permesso di soggiorno”.
N.B. –  Il territorio della Polinesia NON appartiene all’ area Schengen. 

Formalità valutarie:  il sito delle dogane francesi http://www.douane.gouv.fr/articles/c912-collectivites-et-territoires-d-outre-mer contiene informazioni utili al riguardo.