STATI UNITI

USA on the road

22 giorni - 20 notti / viaggio "self-drive"
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Obbligatorio e indirizzo email valido
Campo obbligatorio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

Vi è mai capitato di fantasticare su come sarebbe attraversare gli Stati Uniti alla guida di una mitica Harley Davidson o di un Fuoristrada dalle dimensioni “Americane”? Oggi, se lo desiderate, potete avere l’occasione di vivere questa esperienza. Vi proponiamo un indimenticabile viaggio dall’Est all’Ovest degli U.S.A., a bordo della Harley Davidson Fat Boy oppure del fuoristrada Explorer della Ford per conoscere questo paese e viverlo da ”easy rider”. Un’esperienza unica che vi permetterà di cimentarvi con strade senza fine e paesaggi mozzafiato; sarà certamente un viaggio “adventure” fuori dal comune.

Programma di viaggio

1° giorno: ITALIA - CHICAGO

Partenza dall’Italia con volo di linea per Chicago, via scalo internazionale. All’arrivo ritiro del veicolo in aeroporto e sistemazione per una notte in hotel. Pernottamento.

2° giorno: CHICAGO – MINNEAPOLIS

Inizia l’avventura! Lasciamo Chicago e l’Illinois e puntiamo a nord verso Milwaukee, culla delle Harley-Davidson; poi proseguiamo attraversando tutto il Wisconsin, superiamo il fiume Mississippi ed entriamo nel Minnesota dopo circa 650 Km. Pernottamento a Minneapolis.

3° giorno: MINNEAPOLIS – SIOUX FALLS

Dopo la prima colazione, costeggiando il lago Minnetonka, lasciamo Minneapolis e proseguiamo verso sud-ovest diretti nel South-Dakota, a Sioux Falls, antica patria degli indiani d’america. Arriviamo dopo circa 4 ore di guida.

4° giorno: SIOUX FALLS – RAPID CITY

Lasciamo Sioux Falls rimanendo nel South-Dakota dirigendoci verso Rapid City. Attraversiamo le pianure e il lago Francis Case, il Badlands National Park e il fiume Cheyenne. Le formazioni frastagliate del Badlands National Park si ergono a picco sul territorio circostante; offrono forti scenari che a seconda delle stagioni, affascinano in maniera sempre differente. Le rocce di questo parco hanno subito 37 milioni di anni di erosione creando pinnacoli, canyon profondi e intricate formazioni.

5° giorno: RAPID CITY

Ci dedichiamo oggi alla visita dei dintorni di Rapid City, da Black Hills a Mount Rushmore, da Crazy Horse al Canyon Spearfish. Praterie infinite coperte di verde a di fiori selvatici, conducono ai picchi di granito delle Black Hills, oppure “paha sapa” come venivano chiamate dagli Indiani Lakota. Situato proprio in questa zona vi è Il Mt. Rushmore National Monument, con le facce dei quattro Presidenti Americani (Washington, Jefferson, Lincoln e Roosevelt) scavate nella roccia e che è stato scolpito da Cutzon Borglun il quale vi impiego 14 anni della sua vita. Wind Cave National Park e Jewel Cave National Park si trovano a pochi chilometri dalle Black Hills del South Dakota.

6° giorno: RAPID CITY – BILLINGS

Lasciamo il South Dakota, ci addentriamo nel Wyoming e saliamo nel Montana. Costeggiamo da Buffalo le Big Horse Mountains, e più a nord la riserva indiana dei Cheyenne. Prima di giungere a Billings superiamo Little Bighorn Battlefield National Monument, che è il luogo dove Toro Seduto e Cavallo Pazzo hanno annientato l’esercito americano capitanato dal generale Custer. Nei dintorni di Billings, il Pictograph Caves Historical Site conserva resti della civiltà preistorica di 5.000 anni fa.

7° giorno: BILLINGS – YELLOWSTONE

Siamo nel cuore delle montagne rocciose, rientriamo da nord nel Wyoming e ci aspetta il Yellowstone National Park, patria degli indiani Shoshone. Yellowstone è il primo Parco Nazionale del mondo che si estende per la maggior parte nello Stato del Wyoming, ma sfora anche in Idaho ad est e a nord nel Montana. Annovera oltre 10.000 fonti termali; comprende geyser, fanghi, piscine d’acqua calda naturali e crateri dai quali fuoriesce vapore incandescente. E’ sicuramente uno dei posti più spettacolari della terra. Pernottamento sulle rive dell’omonimo lago Yellowstone.

8° giorno: YELLOWSTONE

Giornata dedicata alla visita del parco di Yellowstone.

Il Parco Nazionale di Yellowstone (Wyoming), il primo parco nazionale del mondo, è per molti versi il gioiello dei parchi americani. Più grande di Porto Rico, disseminato di oltre 10.000 sorgenti termali (compresi circa 250 geyser attivi, il più conosciuto dei quali è l’Old Faithful) in uno dei crateri vulcanici più grandi del mondo, Yellowstone offre anche lo splendido spettacolo del Grand Canyon e contiene la più alta concentrazione di mammiferi dei 48 stati continentali. I residenti più numerosi sono i grizzly, gli orsi bruni, i bisonti, gli alci delle Montagne Rocciose, i lupi e le pecore bighorn. Le caratteristiche più pubblicizzate di Yellowstone sono le sorgenti calde, i geyser, le pozze di fango e le fumarole, che probabilmente si trovano qui perché si tratta di uno dei punti più vicini al centro della Terra. Il fascino dei geyser è dovuto anche alla puntualità con la quale eruttano a ribollono, come se fosse uno spettacolo a orari prestabiliti. Sfortunatamente, la bellezza e la popolarità del parco rischiano di diventare la causa della sua stessa distruzione. A comprometterne la bellezza contribuiscono i 30.000 visitatori giornalieri, gli oltre duemila edifici, le 930 stanze d’albergo e i 430 km di strade che lo percorrono. A Yellowstone si può fare di tutto: camminare, andare in barca o in bici, pescare, sciare, tutte attività che riusciranno forse a tenervi lontani dalla folla.

9° giorno: YELLOWSTONE – IDAHO FALLS

Lasciamo il parco di Yellowstone, puntando a sud costeggiando il lago Jackson, nel Grand Teton National Park. La tappa di oggi termina nello stato dell’Idaho, a Idaho Falls. L’Idaho giace a metà strada tra l’Equatore ed il Polo Nord nel versante occidentale delle Rocky Mountains, originando così un clima temperato con sole splendente e cieli blu, anche in pieno inverno. Ad ovest di questo Stato si trova l’Hells Canyon National Recreation Area, la gola più profonda del Nord America, molto più profonda del Grand Canyon, nella quale scorre lo Snake River.  II Craters of the Moon National Monument, nel centro dell’Idaho, è stato soggetto a recenti eruzioni vulcaniche che hanno fatto sì che la zona assomigli alla superficie lunare tanto da essere usato nelle esercitazioni degli astronauti americani. Contiene 40 percorsi diversi tracciati dalla lava, alcuni formatisi solo 250 anni fa. L’Idaho possiede scenari selvaggi di incontrastato splendore e un numero elevatissimo di corsi d’acqua, oltre 5.000 chilometri, che nessun altro Stato può antare. E’ in assoluto il paradiso per gli amanti di river-rafting.

10° giorno: IDAHO FALLS – SALT LAKE CITY

Da Idaho Falls proseguiamo verso sud superando Pocatello, prima di attraversare il confine con lo Utah, lo stato dei parchi nazionali. Costeggiamo il gran lago salato e arriviamo a Salt Lake City per il pernottamento.

La storia di questa città è indissolubilmente legata ai mormoni e a Joseph Smith, fondatore del movimento religioso negli anni ’20 del 1800 e perfino l’uccello simbolo dello Stato, il gabbiano, rappresenta la salvezza per i mormoni salvati, intorno al 1850 dalla distruzione dei raccolti ad opera di una gelata e di una invasione di cavallette sterminate, appunto, da uno stormo di gabbiani. Attualmente i mormoni rappresentano il 40 per cento della popolazione. Proprio una delle caratteristiche di questa religione, la poligamia, ritardò notevolmente l’annessione dello Stato dello Utah all’Unione, concessa soltanto dopo l’abolizione di questa pratica solo nel 1896 con Salt Lake City che ne divenne la capitale. Il grandioso edificio del Campidoglio, che a vederlo sembra sempre di essere sul set di Capitol – per chi non se lo ricordi è stato il progenitore di Beautiful – venne finito nel 1915. La storia moderna è invece del tutto simile alle altre città americane, depressione degli anni Trenta compresa ma, attualmente, questa città è rinomata come centro escursionistico e trova nell’industria turistica una delle maggiori risorse dello Stato.

11° giorno: SALT LAKE CITY – MOAB

Lasciamo Salt lake City costeggiando il lago Utah e ci prepariamo ad ammirare gli altopiani che caratterizzane questa zona del West America. Prima di raggiungere Moab visitiamo l’Arches National Park, l’altra delle meraviglie create in questa regione dall’azione erosiva degli agenti climatici, con risultati ogni volta diversi e sorprendenti. In questo caso si tratta di oltre 1500 archi di pietra, dalle forme piu’ diverse, alcuni imponenti e monumentali, altri delicati e dall’apparenza talmente fragile da dare a ciascun visitatore l’impressione che potrebbe essere l’ultimo a vederli in piedi (in effetti, questo sara’ il destino di tutti gli archi… tra qualche millennio). Una trentina di questi sono abbastanza famosi e suggestivi da essere stati battezzati con un nome, come il Double Arch, il Landscape Arch, e il più famoso di tutti, il Delicate Arch, reso noto tra l’altro da alcune campagne pubblicitarie. Del resto Arches N.P. e’ un set celebre per i films western e le loro varianti moderne. Qui sono state girate alcune scene di Thelma e Louise.

12° giorno: MOAB

Dedichiamo la giornata alla visita dei dintorni di Moab, con possibilità di escursione al Canyonlands National Park oppure scendere il Colorado River in gommone.
Quando passeremo da queste parti facilmente incontreremo sulla nostra strada ciclisti, escursionisti o maniaci del fuoristrada. Tutti sono qui a cimentarsi con le asperità rocciose di Moab. Questa località è stata incoronata capitale mondiale dello “slick rock”, ovvero della roccia scivolosa, due gocce di pioggia bastano per rendere l’esperienza della mountain bike o del trekking molto più difficoltosa e talora irresistibile per i più spericolati. Moab, nata come colonia di Mormoni, difficilmente ci si sarebbe aspettata una evoluzione così poco in linea con le sue origini; oggi da qui passano migliaia di persone che si dedicano sia a sport estremi che alla semplice contemplazione della natura. Nuovo pernottamento a Moab.

13° giorno: MOAB – BRYCE CANYON

Partiamo all’alba per questa bellissima tappa, e riprendendo la strada verso Nord-Ovest, attraversiamo Capitol Reef. Sono circa 220 miglia tra scenari mozzafiato in cui il tema dominante saranno spazi pressoché infiniti ed un susseguirsi di colori ai limiti del reale. Arrivo al Bryce Canyon in serata. Pernottamento.

14° giorno: BRYCE CANYON - MONUMENT VALLEY

In mattinata visitiamo lo spettacolare anfiteatro naturale del Bryce Canyon e proseguiamo il viaggio. Costeggiamo il Lake Powell, piccola escursione in Arizona, attraversiamo la cittadina di Page, per giungere al tramonto alla Monument Valley. La Monument Valley è un’icona degli Stati Uniti occidentali. Il pianoro desertico è in realtà di origine fluviale e si trova al confine tra Utah e Arizona in un’area abbastanza isolata quanto estesa che dista più di 70 km dalla cittadina più vicina: Kayenta. La strada che conduce alla Monument Valley nella parte terminale è altrettanto famosa: essa segue un percorso rettilineo in leggera discesa che dà al viaggiatore l’impressione di calarsi all’interno della valle. Pernottamento a Kayenta.

15° giorno: MONUMENT VALLEY - GRAND CANYON

Tempo a disposizione per un’altra visita della Monument Valley, e ripartenza alla volta del Grand Canyon. Il Grand Canyon, in Arizona, è sicuramente lo spettacolo naturale più famoso degli USA che con i suoi 443 km di lunghezza, 16 km di larghezza e 1,6 km di profondità, ha sicuramente tutti i numeri per esserlo. Ma qui non si tratta di sola quantità: i picchi, le stratificazioni colorate della roccia, la vista terribile e sublime hanno fatto conquistare al Grand Canyon un posto nell’elenco del Patrimonio Universale. Pernottamento all’interno del parco.

16° giorno: GRAND CANYON – LAS VEGAS

In mattinata si prosegue con la visita del Grand Canyon e prima del tramonto puntiamo diretti su Las Vegas, la città più originale d’America. Una volta era “solo” la capitale mondiale del gioco d’azzardo. Oggi Las Vegas è in grado di offrire una nuova serie di attrazioni davvero incredibili: è sufficiente passeggiare lungo la “Strip”, la lunghissima via che attraversa la città, per ammirare stravaganti hotel dove vengono riproposti ambientazioni storiche e spettacoli di ogni genere. Questo universo di luci e suoni è un susseguirsi di hotel-casinò, ristoranti, bar e “Wedding Chapels”, le chiesette dei matrimoni-lampo e dei divorzi fulminei. Mentre i grandi tentano la fortuna alle slot-machines, i piccoli hanno a disposizione infinite occasioni di svago. E ancora giardini, piscine, club esclusivi per questo universo che non dorme mai, dove la parola d’ordine è una soltanto: divertimento. Ma non fermatevi tutto il tempo a giocare… con un veloce balzo è infatti possibile ammirare le meraviglie naturalistiche dei grandi parchi dell’Ovest – su tutti il Grand Canyon – grazie a straordinari voli panoramici in partenza proprio da “Vegas”.

17° giorno: LAS VEGAS – SEQUOIA NATIONAL PARK

Lasciamo Las Vegas ed entriamo in California attraversando la Death Valley, una delle depressioni più basse della Terra, sotto il livello del mare.

Questa vasta area desertica, alle porte di Las Vegas, è stata nominata in modo particolarmente tetro dai primi pionieri che nel 1849 la attraversarono per raggiungere la California. Proprio in quest’anno si vide la più consistente migrazione da est verso l’oro che, di recente, era stato scoperto nell’ovest. Molti furono quanti si smarrirono e, non riuscendo a trovare il valico attraverso la Sierra Nevada, vagarono per mesi nella Death Valley (Valle della Morte). Questa veniva attraversata durante il periodo autunnale, ad evitare le alte temperature che avrebbero certamente sfinito sia gli animali da traino sia i loro guidatori; la scelta del momento in cui lasciare Salt Lake City (importante punto di rifornimento sulla via dell’oro), era fondamentale, il caldo del deserto poteva essere letale quanto il gelo invernale delle montagne. Dopo mesi e mesi di cammino, un piccolo gruppo di pionieri dovette, al fine di sopravvivere, bruciare parte dei carri ed uccidere alcuni buoi, una tempesta di neve li salvò da morte sicura fornendogli l’acqua per proseguire. Uscendo dalla Valle una delle donne, sfinita dal viaggio, voltandosi verso l’inospitale paesaggio disse: “Addio valle della nostra morte” e da allora ne decretò inconsapevolmente il nome. Oggi la Death Valley offre esclusivamente i vantaggi di un paesaggio veramente spettacolare senza i pericoli che condizionavano il cammino dei primi pionieri.

Proseguiamo poi verso il Sequoia National Park. Questo bellissimo parco sorge, insieme al confinante Kings Canyon National Park, nella parte Est della California, tra la catena montuosa della Sierra Nevada e l’ampia valle del San Joaquin. La natura si offre allo sguardo del visitatore: imponenti vette, canyons, fiumi, laghi e soprattutto la foresta con le sue gigantesche sequoie.

Il nome di questa pianta deriva da un indiano del luogo – Sequoia (1770-1843) – che è considerato il padre dell’alfabeto cherokee. La famiglia delle sequoie cresce solamente in California e si suddivide in due tipi con caratteristiche decisamente diverse: la sequoia gigante o wellintoniana cresce naturalmente solo in questa zona della Sierra Nevada, può vivere fino a 3200 anni e superare gli 80 metri di altezza; è caratterizzata da un tronco grande e tozzo ricoperto da una corteccia rossa ed ha grossi rami posti ad una notevole altezza. la sequoia sempervirens o redwood invece cresce sul Pacifico a Nord di San Francisco ed ha un tronco più snello ricoperto nella parte superiore da una chioma di foglie molto fitta. Questo albero – dal portamento piramidale – può raggiungere i 100 metri di altezza e vivere fino a 2000 anni. Entrati nel parco, diamo la precedenza al “General Sherman Tree”, l’organismo vivente più vecchio del mondo; ovviamente si tratta di una sequoia alta 84 metri che ha 2700 anni ed una circonferenza di 31 metri! Camminare tra questi colossi della natura è un’esperienza difficile da descrivere, bisogna provarla: c’è un silenzio meraviglioso e i nostri sensi vengono colpiti anche dal profumo intenso di resina che c’è nell’aria: è il profumo della natura.

18° giorno: SEQUOIA NATIONAL PARK – SAN FRANCISCO

Risaliamo la California e da Sequoia National Park ci dirigiamo verso San Francisco. Lasciamo il parco scendendo dalla Sierra Nevada nella fertile Central Valley. Attraversiamo la regione degli agrumeti ed i primi avamposti della produzione del vino californiano. Arrivando in fretta a San Francisco. Entriamo in città percorrendo il celebre Bay Bridge, costruito nel 1936 e lungo ben 13,6 km. Rilascio dei mezzi e trasferimento libero in hotel per il pernottamento.

19° e 20° giorno: SAN FRANCISCO

Giornate dedicate alla visita della città e dei suoi tanti quartieri, come quello italiano di North Beach, quello latino-americano di Mission District oppure Chinatown la più grande comunità asiatica fuori dall’Asia, costituitasi nel 1847 con l’arrivo di minatori cinesi. Molto caratteristico Fisherman’s Wharf (il Molo Dei Pescatori) oggi ricco di negozietti, gallerie e ristoranti di pesce. E perché non fare una fotografia alla vecchia fabbrica di cioccolato in Ghirardelli Square, oggi grande centro commerciale e di divertimenti. Dalla vicina banchina di Pier 41 si può partire per un escursione ad Alcatraz Island, dove sorge l’ex penitenziario. Tappa certa del nostro tour è il Golden Gate Bridge alto 67 m sopra l’oceano e lungo 2,7 km, dall’altra parte del quale troviamo i quartieri artistici di Sausalito e Tiburon. Questa indomita metropoli nel corso della sua storia ne ha viste proprio tante! Terremoti e incendi non hanno però piegato lo spirito dei suoi abitanti. San Francisco viene considerata una delle città più accoglienti e vivaci della costa occidentale degli Stati Uniti. Qui è nata la famosa “Beat Generation”, una corrente di pensiero che, coinvolgendo indiscriminatamente letteratura, pittura e musica, ha saputo raccogliere sotto di se i sogni e le aspirazioni di milioni di giovani in tutto il mondo. Un nuovo concetto di profonda libertà da vincoli sociali trova la sua maggiore espressione nelle opere lasciateci dai suoi massimi rappresentanti: Jack Kerouac, Charles Bukowski, Allen Ginsberg, Joanne Kyger. Questi i precursori di tanti movimenti che solo a San Francisco avrebbero potuto ottenere lo spazio necessario per crescere ed evolversi. Una realtà lontana da preconcetti e libertaria per propria natura. Una San Francisco dove, ancora oggi, le minoranze trovano lo spazio per potersi esprimere come maggioranze.

21° giorno: SAN FRANCISCO – ITALIA

Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per il rientro in Italia, via scalo internazionale.

22° giorno: ARRIVO IN ITALIA

Arrivo In Italia e termine del viaggio.

Informazioni sul viaggio:

  • le sistemazioni:
    • Chicago: Hilton Palmer House
    • Minneapolis: Millennium Hotel
    • Sioux Fall: Ramkota Hotel
    • Rapid City: Alex Johnson
    • Billings: Holiday Inn
    • Yellowstone National Park: Grant Village
    • Idadho Falls: Shilo Inn
    • Salt Lake City: Sheraton Lake Center
    • Moab: River Canyon Lodge
    • Bryce Canyon: Ruby’s Inn
    • Monument Valley: Goulding’s Lodge
    • Grand Canyon: Yavapai Lodge
    • Las Vegas: Bellagio
    • Sequoia National Park: Wuksachi Lodge
    • San Francisco: Sheraton Fisherman’s Wharf


    N.B. Le sistemazioni previste potrebbero essere sostituite con altre similari di pari categoria

Approfondimenti sul Paese:

Vuoi maggiori informazioni sugli Stati Uniti? Clicca qui

Prezzi e date:

Partenze individuali a data libera

 

Quote di partecipazione:
data la particolarità del viaggio, il prezzo verrà calcolato su richiesta sulla base della data di partenza, del numero di partecipanti e della tipologia di veicolo richiesto

La quota comprende:

  • 20 pernottamenti con sistemazione in camera doppia e trattamento di solo pernottamento
  • per la versione con l’auto:
    • noleggio mezzo fuoristrada 4 WD/ADW ( base 4 persone per auto )
    • Le tariffe includono: chilometraggio illimitato, Riduzione Franchigia Danni/Furto (LDW), copertura supplementare Responsabilità Civile (LIS), Tasse e sovrattasse locali, Oneri Aeroportuali, supplemento 3 guidatori aggiuntivi e pieno di benzina.
  • per la versione con la moto:
    • noleggio Harley Davidson per 18 gg
  • assicurazione assistenza e spese mediche

 

La quota non comprende:

  • voli internazionali di andata e ritorno in classe economica, via scalo internazionale
  • tasse aeroportuali
  • tutti i pasti
  • ingressi, escursioni, pedaggi, carburante, parcheggi, extra di carattere personale
  • per la versione con l’auto:
    • Drop Off vettura da regolarsi in loco
    • Assicurazione PAI (Protezione Infortuni) e PEC (Protezione effetti personali) per l’auto in loco
  • per la versione con la moto:
    • Drop Off moto da regolarsi in loco
    • Migliaggio illimitato
    • Assicurazione Enhanced VIP
    • Copertura Danni e Furto (Il noleggiatore paga sino a $1000, quale franchigia)
    • SLI: 12€ al giorno ( Responsabilità civile verso terzi )
    • Pai/Pec
  • integrazione Assicurazione per assistenza e spese mediche illimitate
  • assicurazione per annullamento viaggio
  • tutto quanto non incluso in programma o alla voce “la quota comprende”

I Veicoli:

Harley Davidson Fat Boy
HARLEY-DAVIDSON “FAT BOY”

Quando vedete una moto come questa, capite che è così che dovrebbe essere una moto. Grossa, compatta e massiccia. Con i parafanghi avvolgenti in metallo. I tubi della forcella che sembrano dei tronchi d’albero. Il faro cromato dalle dimensioni massicce. E il corposo V-Twin che aspetta solo di essere liberato per la strada, a richiamare l’attenzione ad ogni suo slancio. Ecco che cosa vi può dare una Fat Boy.

 

Scopri di più
HARLEY-DAVIDSON “FAT BOY”
Harley Davidson Fat Boy

Quando vedete una moto come questa, capite che è così che dovrebbe essere una moto. Grossa, compatta e massiccia. Con i parafanghi avvolgenti in metallo. I tubi della forcella che sembrano dei tronchi d’albero. Il faro cromato dalle dimensioni massicce. E il corposo V-Twin che aspetta solo di essere liberato per la strada, a richiamare l’attenzione ad ogni suo slancio. Ecco che cosa vi può dare una Fat Boy. E probabilmente è per questo motivo che, fin dal primo giorno in cui hanno calcato le strade con le loro ruote gigantesche, sono diventate un punto di riferimento irrinunciabile. E’ quindi facile capire che, di questa moto, troverete una quantità enorme di particolari da apprezzare. Cerchi lenticolari pieni. Pneumatico posteriore maggiorato da 150mm. Pedane grandi abbastanza per piedi di tutte le misure. E un generoso motore Twin Cam 88B dotato di sistema EFI e controalberi di bilanciamento, il cuore che pulsa al centro di questa moto. Per una vita in grande stile.

Harley Davidson Heritage
HARLEY-DAVIDSON “HERITAGE”

Non vi stupireste di trovare, nascosta sotto un telo impolverato nel granaio dei nonni, una bellezza come la Heritage Softail Classic. Con le borse laterali in cuoio con le borchie, i grossi parafanghi, il gigantesco faro cromato e le passing lamp. Per il motociclista che sogna uno stile classico, non potrebbe esservi nulla di meglio. Ma anche coloro che sono alla ricerca di un mezzo moderno troveranno in questa moto una compagna ideale.

Scopri di più
HARLEY-DAVIDSON “HERITAGE”
Harley Davidson Heritage

Non vi stupireste di trovare, nascosta sotto un telo impolverato nel granaio dei nonni, una bellezza come la Heritage Softail Classic. Con le borse laterali in cuoio con le borchie, i grossi parafanghi, il gigantesco faro cromato e le passing lamp. Per il motociclista che sogna uno stile classico, non potrebbe esservi nulla di meglio. Ma anche coloro che sono alla ricerca di un mezzo moderno troveranno in questa moto una compagna ideale. Ne volete una prova? Guardate il motore Twin Cam88B. Con i suoi 1450 cc e il sistema di iniezione EFI. Installato su supporti rigidi, ma due ingegnosi controalberi di bilanciamento provvedono ad annullare tutte le vibrazioni, tranne quelle che si avvertono quando si vive una leggenda. La sospensione posteriore è nascosta. I pneumatici Blackwall sono montati su cerchi a raggi. E la sella è ribassata. Pertanto, qualunque sia il genere di moto che preferiate, non troverete alcuna difficoltà a saltare in sella a questa.

FORD EXPLORER

Le caratteristiche della Ford Explorer 2020 sono contrassegnate principalmente dalle dimensioni tipicamente americane: la lunghezza è di 5,05 metri e la larghezza è di 2 metri. Il maxi SUV ospita comodamente 7 persone disposte su tre file di sedili.

Scopri di più
FORD EXPLORER

Nonostante una potenza combinata di 450 cavalli e una capacità di traino di 2500 kg, l’Explorer risulta anche parsimonioso con consumi dichiarati di 3,4 litri per 100 km grazie anche al fatto che 40 chilometri sono percorribili a zero emissioni.

Le caratteristiche della Ford Explorer 2020 sono contrassegnate principalmente dalle dimensioni tipicamente americane: la lunghezza è di 5,05 metri e la larghezza è di 2 metri. Il maxi SUV ospita comodamente 7 persone disposte su tre file di sedili.

Gli esterni si rinnovano soprattutto nel frontale: più filante e con un nuovo taglio della fanaleria. Le maggiori novità riguardano gli interni. Studiati per garantire il massimo del comfort, garantiscono un enorme spazio per tutti e per tutto grazie ad una capacità di carico che tocca i 2.274 litri.

Chevrolet Suburban 2019
CHEVROLET SUBURBAN

adatto da 5 a 7 viaggiatori

Scopri di più
CHEVROLET SUBURBAN
Chevrolet Suburban 2019

adatto da 5 a 7 viaggiatori

Il motore di Suburban è il potente EcoTec3 V8 5,3 litri da 355 CV e 519 Nm di coppia massima usato nei pickup leggeri Chevrolet che, oltre a essere efficiente grazie al sistema Active Fuel Management®, garantisce una capacità di traino fino a 3765 kg. La trasmissione è automatica a sei rapporti con modalità carico/traino, le opzioni di trazione sono 2WD o 4WD e le sospensioni premium ultraleggere ma ugualmente rigide sono state pensate anche per ridurre i consumi. Chevrolet Suburban offre dotazioni di sicurezza avanzate per aiutare a prevenire possibili incidenti e per proteggere e rispondere nell’evento di una collisione. E grazie alla tecnologia Teen Driver è possibile avere un reporting integrato delle proprie performance di guida sicura e di quelle di conducenti neo-patentati.

Formalità d'ingresso:

STATI UNITI: Informazioni utili
Scopri di più
STATI UNITI: Informazioni utili

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L’INGRESSO NEL PAESE:

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Passaporto: necessario, con data di scadenza successiva alla data prevista per il rientro in Italia.

Visa Waiver Program
Il programma Visa Waiwer Programme consente a cittadini di 38 Paesi, tra cui l’Italia (cfr. https://www.dhs.gov/visa-waiver-program-requirements), di entrare negli Stati Uniti per motivi di affari e/o turismo per soggiorni non superiori a 90 giorni senza dover richiedere un visto d’ingresso. Per tutte le altre finalita’, e’ invece necessario richiedere il visto d’ingresso (cfr. infra).
Per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program – VWP) è necessario ottenere un’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization – ESTA). L’autorizzazione, che ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto, va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti accedendo, almeno 72 ore prima della partenza, tramite Internet al sito https://esta.cbp.dhs.gov. Il Programma ESTA ha subito alcune importanti modifiche a seguito dell’approvazione da parte del Congresso americano del ”Visa Waiver Program Improvement and Terrorist Travel Prevention Act of 2015” (dicembre 2015), una legge che comporta nuove condizioni per chi intende viaggiare verso gli Stati Uniti in esenzione da visto.
Si sintetizzano qui di seguito le misure di attuazione della nuova normativa, raccomandando anche a chi ha un ESTA in corso di validità di controllare attentamente, prima della partenza, i siti web delle Sedi diplomatiche e consolari statunitensi per verificare la sussistenza della possibilità di essere ammessi negli USA senza visto.
In particolare, la normativa attuale prevede che
– dal 21 gennaio 2016, i cittadini di Paesi VWP (inclusa quindi l’Italia) che siano anche cittadini di Iran, Iraq, Siria e Sudan per poter entrare negli Stati Uniti dovranno munirsi di regolare visto d’ingresso;
– dal 18 febbraio 2016 le restrizioni si applicano anche per gli individui che si sono recati, dal 1 marzo 2011 in poi,  in uno dei seguenti Paesi: Iran, Iraq, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen.
I funzionari di governo (”full-time”) e il personale militare di Paesi del VWP recatisi nei suindicati Stati per ragioni di servizio sono esclusi da tale restrizione.
Le autorità USA possono peraltro concedere eventuali ”eccezioni” a tali restrizioni (valutando ”on a case by case basis”) per i richiedenti ESTA che rientrino in una delle seguenti categorie di viaggiatori:
1) Persone che hanno viaggiato in Iran, Iraq, Sudan o Siria
– per conto di ”international, regional, or sub-national organization on official duty”;
– per conto di  ”humanitarian NGO on official duty”;
– in qualità di giornalista ”for reporting purposes”.
2) Persone che hanno viaggiato in Iran ”for legitimate business-related purposes” a seguito della conclusione del ”Joint Comprehensive Plan of Action” con l’Iran del 14 luglio 2015.
3) Persone che hanno viaggiato in Iraq ”for legitimate business-related purposes”.
4) Persone che hanno viaggiato in Iraq, Siria, Iran, Sudan, Libia, Somalia, or Yemen che mantengono “current Global Entry program membership”.
In tali casi, è fondamentale presentare alle Autorità USA tutti i documenti in grado di provare l’appartenenza ad una delle categorie indicate.
In tutti i casi dubbi, si raccomanda di contattare sempre le Autorità USA in Italia (Ambasciata e/o Consolati) e/o procedere alla richiesta del visto.
Per usufruire del programma “Visa Waiver Program” è necessario:
– essere in possesso di un  passaporto elettronico. Dal 1° aprile 2016, per poter entrare nel territorio degli Stati Uniti in regime di esenzione del visto (attraverso l’ESTA), è introdotto il requisito obbligatorio del possesso di un passaporto elettronico contenente i dati biografici e biometrici del titolare. Si intende per “passaporto elettronico” il libretto dotato di microprocessore);
– viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo. Va tenuto ben presente che il soggiorno negli Stati Uniti sulla base di un ESTA non dà alcun titolo a svolgere attività remunerate, anche saltuarie (per cui occorrono specifici visti);
– rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni. La permanenza nel Paese oltre i 90 giorni può compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma Visa Waiver. Si attira l’attenzione sul rigore con cui viene applicata la normativa vigente: anche pochi giorni di “Overstay” (permanenza in territorio statunitense oltre il consentito) possono comportare l’intervento delle Autorità americane che può arrivare sino alla detenzione anche per periodi prolungati e/o compromettere la possibilità di futuri ingressi nel Paese. A seguito di recenti casi, si segnala infine una particolare severità delle autorità lungo il confine terrestre tra lo Stato di Washington e il Canada e tra il Messico e gli Stati della California e del Texas.
– possedere un biglietto di ritorno.
In mancanza anche di uno dei suddetti requisiti, è necessario richiedere il visto presso l’Ambasciata o il Consolato USA presenti in Italia.
Le risposte che verranno fornite dal sistema “ESTA” potranno essere di tre tipi:
1)“Authorisation Approved”, nel caso di concessione dell’autorizzazione. L’autorizzazione sarà valida per due anni o fino a quando il passaporto del viaggiatore non scade e consentirà la possibilità di effettuare più viaggi negli Stati Uniti senza che per ognuno di essi sia necessaria una nuova registrazione on-line ed una conseguente nuova autorizzazione;
2) Travel not Authorized”, nel caso di diniego dell’autorizzazione. In tal caso occorrerà rivolgersi al Consolato americano per richiedere il visto.
3) “Authorization Pending”, nel caso in cui siano necessarie ulteriori informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione.
L’“ESTA” (come già avviene attualmente in base al “Visa Waiver Program”) non garantirà un’automatica ammissione in territorio americano che sarà lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.
Al fine di facilitare il processo di valutazione dei dati forniti con la registrazione, si consiglia di compilare il modulo ESTA con ampio anticipo.
Per maggiori informazioni riguardo il programma “ESTA” si consiglia di consultare direttamente il sito internet: www.cbp.gov./travel.
A complemento del programma di Sicurezza ESTA, un’ulteriore procedura è entrata in vigore dal 6 settembre 2010 denominata “Secure Flight Program”. Tale programma, sviluppato dall’Autorità statunitense TSA (Transportation Security Administration), si applica a tutti i passeggeri che viaggiano da/per e all’interno degli Stati Uniti.
Il Secure Flight Program richiede che una serie di informazioni (cognome e nome, data di nascita, genere maschile o femminile) siano fornite per tutti i passeggeri che prenotano e acquistano biglietti per viaggi da/per o all’interno degli USA.
Informazioni complete e dettagliate su quanto è richiesto al passeggero sono reperibili consultando il sito: www.tsa.gov, o attraverso la compagnia aerea utilizzata o il proprio agente di viaggio.

Viaggi all’estero di minori
si prega di consultare l’approfondimento presente sul sito: Documenti di viaggio – Documenti per viaggi all’estero di minori.

Visto d’ingresso
In mancanza anche di uno solo dei requisiti necessari per usufruire del “Viaggio senza Visto” è necessario richiedere il visto presso l’Ambasciata o il Consolato USA presenti in Italia.
Tutti i cittadini italiani che entrano nel Paese, in esenzione di visto “Visa Waiver Program” o con visto USA di una delle seguenti categorie:
–  B1/B2 affari o turismo per periodi di permanenza superiori ai 90 giorni o per sanare precedenti situazioni irregolari;
– F/M/J/Q -studenti, studiosi, ricercatori, scienziati, anche in ambito di scambi culturali;
– H/L/O/P- lavoratori temporanei;
– C1- in transito verso paesi terzi;
– C1/D -equipaggi d’aerei o navi;
– R- (religiosi);
– I – (giornalisti);
– E – (operatori economici e commerciali)
sono soggetti nell’ambito del programma “US-VISIT” all’acquisizione delle impronte digitali (indice sinistro e destro) e della fotografia digitale all’arrivo alle frontiere americane.