BAJA CALIFORNIA

Baja California Sur

11 giorni - 10 notti / viaggio con guida
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Inserisci un nome valido
Inserisci un cognome valido
Inserisci un indirizzo email valido
Inserisci un numero di telefono valido
Inserisci un messaggio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il viaggio

Un avvincente itinerario on the road con guida italiana tra deserti, baie cristalline incontaminate, lagune abitate da balene, cactus colossali, canyon mozzafiato, sperduti ranch, missioni gesuite settecentesche, miniere abbandonate e pitture rupestri millenarie.

“Il Deserto che Vive”, così può essere identificata la Baja California, regione ai confini di un mondo che è riuscita a mantenere intatta una propria personalità imprevedibile e selvaggia come la natura che la ricopre e che la circonda. In grado di offrire offre al visitatore uno spettacolo unico con la quiete dei suoi deserti di cactus, le spiagge senza fine, i colori unici del mare, le balene, i leoni marini, i delfini… e ancora, le incredibili formazioni rocciose, il cielo limpido ed azzurro, la grande varietà di uccelli …
Forse neppure Cortes, quando la scoprì nel 1533, aveva mai visto un posto come la Baja California. Il lungo dito desertico che si protende nell’Oceano Pacifico è la seconda penisola del mondo: 1200 chilometri di pura metafisica. Sabbia, montagne e mare color cobalto. I cardones si stagliano contro la sierra, pungenti sentinelle vegetali a custodia di un paese dalla luce accecante e dalle acque turchesi. Le dune sabbiose che si stendono bianche e infinite fino all’orizzonte conducono a un mare, in cui sono ancora possibili incontri senza tempo. I leoni marini guizzano veloci e inoffensivi presso la scogliera di Los Islotes. Scivolano accanto a voi, vi osservano incuriositi, poi si tuffano nelle acque cristalline verso il profondo blu. Si riparte verso le missioni gesuitiche nel cuore della sierra, si attraversano distese di palme da dattero, il sole si tuffa nel Pacifico: siete in mezzo al nulla e non immaginavate quanto fosse bello! Ma è nelle profondità dell’Oceano che si cela la meraviglia più grande. Ogni anno, da gennaio ad aprile, in queste tiepide acque accorrono migliaia di balene grigie che giungono dall’Artico per riprodursi, creando uno degli ultimi santuari naturali della Terra.

Programma di viaggio

1° giorno: San José del Cabo

Arrivo a San José del Cabo (volo non incluso) e incontro in aeroporto con l’Expedition Leader. Trasferimento in uno storico e caratteristico albergo nel centro della cittadina e consegna del kit di viaggio con briefing sul programma. Resto della giornata a disposizione, secondo l’orario, per il relax nella piscina dell’albergo o per la visita guidata a piedi delle vie ottocentesche del centro storico che termina lungo l’estuario di San José dove sfocia sulla bellissima baia, luogo normalmente abitato da una ricca avifauna.

2° giorno: San José del Cabo - La Paz

Passando per il Capo

Al mattino si salpa con una piccola lancia per poter ammirare dal mare gli imponenti faraglioni di granito di Cabo San Lucas abitati da una piccola colonia di Leoni marini. Al termine della gita si prosegue lungo il Pacifico verso La Paz, visitando lungo il percorso una cittadina mineraria fantasma del 1800. Arrivo e sistemazione presso un accogliente albergo del centro storico. Prima del tramonto si potranno raggiungere due splendide baie di acqua turchese, dove due brevi percorsi di hiking o in kayak segnalati da una mappa in dotazione offriranno scorci stupendi sui selvaggi dintorni. Una di queste baie, Bahia Balandra, è considerata tra le 10 più belle del mondo.

Tra dicembre e aprile, in alternativa alla gita in barca descritta, ci si potrà imbarcare a San Lucas per un’emozionante uscita di whale watching guidata da un esperto biologo marino che consentirà di avvicinare le grandi Megattere, famose per i loro balzi spettacolari

3° giorno: La Paz

L’escursione in barca in programma permetterà di scoprire quest’isola di sorprendente bellezza. Jacques Cousteau che per primo la esplorò nel 1974 definì queste acque come “L’Acquario del Mondo”. Guidati da un biologo marino si compie una navigazione costiera per raggiungere una colonia di giocosi Leoni marini che si intrattengono divertiti in acqua con i visitatori. La gita include snorkeling su colorati banchi di corallo brulicanti di pesci tropicali e un pranzo a base di ceviche di pesce servito in una baia di sabbia rosa e acqua turchese.

4° giorno: La Paz - Loreto

In mattinata partenza verso Nord in direzione di Loreto, antica capitale della Baja California del Sud, rinomata per la fondazione della prima missione della penisola e il suo arcipelago di cinque isole che costituisce un importante Parco Marino abitato da Balenottere azzurre, Megattere, mante, delfini e anche Orche. Dopo aver attraversato un deserto di arenaria ci si inoltra tra le gole granitiche dell’imponente Sierra della Giganta per scendere nuovamente verso il Mar di Cortes. Arrivo a Loreto e sistemazione in una piccola e caratteristica posada del centro storico. Nel primo pomeriggio si potranno visitare la vicina missione risalente al 1697 e il museo che conserva interessanti reperti dell’epoca missionaria.

5° giorno: Loreto

L’isola vulcanica di Coronado

Si salpa in barca per esplorare questo cono vulcanico con la sua spiaggia di sabbia corallina e una natura selvaggia e incontaminata che attira documentaristi da tutto il mondo: Leoni marini, uccelli e delfini sono le attrazioni principali di questo minuscolo paradiso coperto di cactus, cespugli di camomilla selvatica e Torotes, una curiosa specie botanica endemica.
Nel pomeriggio, attraverso un Canyon roccioso si raggiungeranno in auto i 500 metri di quota dove in una cornice naturale unica sul finire del 1600 un missionario palermitano edificò una bellissima missione.

In alternativa, tra gennaio e marzo, ci si potrà imbarcare per un’uscita di whale watching focalizzata all’incontro delle Balenottere azzurre, la più grande specie vivente sul pianeta che può raggiungere anche i 30 metri di lunghezza

6° giorno: Loreto - Santa Rosalia

Lungo il Mar di Cortes

Verso Nord lungo il Mar di Cortes per attraversare un’immensa distesa ricoperta di cactus colossali e costeggiare la splendida Bahia Concepcion con la sua successione di piccole baie dall’acqua color smeraldo. Dopo la visita di una missione con la sua immensa oasi di palme da dattero, si arriva in una cittadina interamente costruita in legno sul finire dell’800 dai francesi intorno a un ricco giacimento di rame. Pernottamento nella vecchia foresteria di fascino decadente della miniera , oggi considerata edificio storico.

Una camminata guidata opzionale conduce appena dopo Loreto a un sito di pitture rupestri millenarie, l’escursione dura in totale 4 ore di facile camminata (circa 5 km)

7° giorno: Santa Rosalia - Laguna San Ignacio

Il deserto di Vizcaino fino alla Laguna San Ignacio

Dopo la visita della celebre chiesa in metallo rivettato firmata da Gustave Eiffel si prosege per San Ignacio attraversando il Deserto di Vizcaino, la più estesa riserva naturale dell’America Latina, popolata da diverse specie endemiche di animali e piante. Si fiancheggia l’imponente gruppo vulcanico delle Tre Vergini e si giunge nel minuscolo paesino di San Ignacio dove si potranno visitare l’antica missione che spicca tra le facciate stile “western” della piazza centrale e il piccolo museo con reperti delle etnie che abitarono questo aspro territorio per oltre 10.000 anni lasciando misteriose pitture rupestri. Si lascia quindi il percorso pavimentato e si guida attraverso una pista di sabbia battuta fino all’omonima laguna sul Pacifico, dove ci si istalla in ampie e confortevoli tende igloo all’interno di un campo base tendato. L’accampamento è frequentato ogni inverno da biologi marini e documentaristi di tutto il mondo che qui si incontrano per studiare le Balene grigie in ottimali condizioni di avvicinamento. Si effettua una prima uscita in barca per ammirare questi mansueti giganti del mare riuniti nella laguna per riprodursi o partorire i propri piccoli che cercano spesso un contatto con gli occupanti delle imbarcazioni. Dopo il rientro e il pranzo servito al campo, il pomeriggio viene dedicato all’esplorazione naturalistica dei dintorni. Cena al ristorante del campo e pernottamento in tenda.

8° giorno: Laguna San Ignacio

In mattinata si salperà per una seconda, avvincente uscita di whale watching alla ricerca di balenotteri con voglia di farsi accarezzare. Ritorno al campo per il pranzo e pomeriggio a disposizione per le passeggiate nei dintorni suggerite dal roadbook in dotazione. Cena e pernottamento al campo base.

9° giorno: Laguna San Ignacio - Scorpion Bay

In mattinata partenza verso Sud lungo il Pacifico attraverso un lungo ed emozionante percorso sterrato che si sviluppa tra saline naturali, boschi di cactus, dune di sabbia, guadi di torrenti asciutti e canyon rocciosi. Al termine di questa avventurosa tappa che fa parte del mitico rally Baja 1000, si giunge nella mitica Scorpion Bay, una delle più belle baie del Pacifico orientale con il suo arenile incontaminato di 30 km che divide il deserto dall’oceano.

10° giorno: Scorpion Bay - Todos Santos

Si prosegue verso Sud lungo la MEX 1 con destinazione Todos Santos, pittoresco paesino coloniale sul Pacifico, oggi divenuto rifugio di artisti internazionali. Il pernottamento Santos è previsto presso un caratteristico albergo ricavato da un‘antica dimora di epoca coloniale.

Una deviazione facoltativa permette lungo la tappa di raggiungere l’immensa Bahia Magdalena dove un’uscita di whale watching consentirà di avvistare ancora Balene grigie e delfini.

12° giorno: Todos Santos - San José del Cabo - Italia

In mattinata, trasferimento all’Aeroporto di San José del Cabo situato a circa un’ora di guida lungo il Pacifico, per le operazioni assistite di imbarco sul volo di rientro in Italia, via scali internazionali (voli non inclusi in quota). Pasti e pernottamento a bordo.
Arrivo in Italia il giorno successivo.

Informazioni sul viaggio:

– Per ragioni operative, l’itinerario potrebbe essere effettuato all’inverso o subire variazioni di percorso, senza modificare le visite e le escursioni previste  mantenendo inalterata la struttura del viaggio.
– i veicoli indicati potrebbero essere sostituiti da altri modelli similari
– Il pernottamento all’ecoturismo Kuyima è previsto in tende igloo doppie a grandezza d’uomo, corredate da due brandine con materasso, sacco a pelo, lenzuolo e cuscino. Il campo è attrezzato con servizi e ristorante in muratura; è consigliabile portare con sé una pila ed un asciugamano. Per le notti al campo è prevista solo la sistemazione in tenda doppia.

  • Le sistemazioni:

    San José del Cabo: Hotel Casa Natalia
    La Paz; Hotel Catedral
    Loreto: Posada del Cortes
    Santa Rosalia: Hotel Frances 1860
    Laguna San Ignacio: Campo Base tendato
    Bahia Magdalena: Posada Scorpion Bay
    Todos Santos: Casa Tota

    Le sistemazioni previste potrebbero essere sostituite con altre similari di pari categoria.

  • ESTENSIONI:

    E’ possibile prolungare il soggiorno a Cabo San Lucas:  quotazione su richiesta.

Veicoli utilizzati:

esempio di veicoli normalmente utilizzati per questo viaggio:

Jeep Wrangler
JEEP WRANGLER

adatta da 2 a 4 passeggeri

Scopri di più
JEEP WRANGLER
Jeep Wrangler

La Jeep Wrangler è una delle vetture fuoristrada open-air più famose del mondo. In ragione dell’enorme domanda del mercato automobilistico civile, l’American Motors Corporation (AMC), proprietaria del marchio Jeep all’epoca, decise nel 1987 di lanciare la Jeep Wrangler. In qualità di erede diretta delle capostipiti Jeep “Willys2 e “CJ”, questa simbolizzava come nessun’altra automobile l’esigenza di libertà, divertimento e voglia di vivere del suo proprietario. Diversamente dalle fuoristrada militari, la Jeep Wrangler possedeva, fra le atre cose, fari più grandi, una ruota di scorta sul portellone posteriore ed un coperchio esterno per il serbatoio. Comfort, qualità di guida e design del veicolo vennero migliorati e contemporaneamente furono mantenute la resistenza alle sollecitazioni e le qualità di fuoristrada. Dal 2007 viene prodotto anche il modello Wrangler JK, mentre nel 2011 è disponibile anche una versione a 4 porte, più lunga e con maggior capacità di carico ed abitabilità, la Wrangler Unlimited.

Chevrolet Suburban 2019
CHEVROLET SUBURBAN

adatto da 5 a 7 viaggiatori

Scopri di più
CHEVROLET SUBURBAN
Chevrolet Suburban 2019

adatto da 5 a 7 viaggiatori

Il motore di Suburban è il potente EcoTec3 V8 5,3 litri da 355 CV e 519 Nm di coppia massima usato nei pickup leggeri Chevrolet che, oltre a essere efficiente grazie al sistema Active Fuel Management®, garantisce una capacità di traino fino a 3765 kg. La trasmissione è automatica a sei rapporti con modalità carico/traino, le opzioni di trazione sono 2WD o 4WD e le sospensioni premium ultraleggere ma ugualmente rigide sono state pensate anche per ridurre i consumi. Chevrolet Suburban offre dotazioni di sicurezza avanzate per aiutare a prevenire possibili incidenti e per proteggere e rispondere nell’evento di una collisione. E grazie alla tecnologia Teen Driver è possibile avere un reporting integrato delle proprie performance di guida sicura e di quelle di conducenti neo-patentati.

Approfondimenti:

Vuoi maggiori informazioni sulla Baja California?

Prezzi e date:

12 Giorni – 11 notti
Partenze a date fisse con guida/conducente
Massimo 6 partecipanti

In programmazione

La quota comprende:

  • la conduzione del tour a cura di una esperta guida in lingua italiana;
  • il carburante occorrente per l’intero percorso;
  • i pernottamenti negli alberghi indicati con sistemazione in camera doppia (in tenda doppia presso il Campo Base della Laguna di San Ignacio);
  • la prima colazione continentale ogni giorno;
  • i pasti come indicato in programma;
  • la pensione completa durante il pernottamento al campo base della Laguna di San Ignacio;
  • le escursioni guidata in barca come da programma;
  • una guida turistica in italiano della Baja California di oltre 100 pagine illustrate a colori: la più completa ed esauriente documentazione per viaggiatori esistente in italiano sulla regione;
  • un Kit di viaggio per ogni coppia di viaggiatori: un piccolo zainetto da escursionismo contenente la guida turistica, un adattatore elettrico da presa EU/US, una confezione di salviette umidificate, un panno in microfibra per la pulizia di lenti e obiettivi fotografici;
  • i diritti di ingresso ai parchi naturali;
  • le tasse e le imposte di hotels ed altri servizi turistici.

La quota non comprende:

  • voli aerei in classe economica da e per l’Italia
  • tasse aeroportuali nazionali/internazionali e locali
  • eventuale prima notte nella città di transito o a San José del Cabo ( determinata dalla tratta aerea usata)
  • escursioni facoltative non inserite nel programma
  • bevande ai pasti, facchinaggi, mance ed extra in genere
  • deposito cauzionale di 100 Euro per l’uso dei dispositivi in dotazione (restituito a fine viaggio)
  • quota individuale di gestione pratica
  • assicurazione obbligatoria medico/bagaglio
  • assicurazioni supplementari per le auto stipulabili solo in loco
  • assicurazione contro penalità annullamento e spese illimitate sanitarie (da quotare in base all’età ed all’importo totale del viaggio)
  • tutto quanto non indicato in programma o alla voce ” La quota comprende “

Formalità d'ingresso:

BAJA CALIFORNIA (MESSICO): Formalità d’ingresso
Scopri di più
BAJA CALIFORNIA (MESSICO): Formalità d’ingresso

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese:

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese.

Visto d’ingresso: non necessario per turismo fino a 180 giorni di permanenza nel Paese.Terminato il suddetto periodo occorre uscire dal Paese.
All’arrivo nel Paese il turista deve compilare un formulario disponibile presso le Autorità locali, i principali aeroporti e le diverse compagnie aeree. Occorre, altresì, pagare una tassa aeroportuale, normalmente inclusa nel costo del biglietto aereo emesso in Italia, che è contraddistinta dalla sigla “UK”. In caso la tassa non fosse stata inclusa nel biglietto, occorre pagarla al momento di lasciare il Paese.  Il pagamento deve essere effettuato presso lo sportello bancario dell’aeroporto dopo aver compilato un formulario presso gli uffici aeroportuali “Emigración”. Lo smarrimento del formulario (FMT) non prevede il pagamento di una multa se sul biglietto aereo è presente la sigla UK. In caso contrario, è previsto il pagamento di 500 pesos (circa 30 Euro).

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI