BORA BORA

Polinesia Francese, Isole della Società

durata del soggiorno: libera
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Obbligatorio e indirizzo email valido
Campo obbligatorio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

La più celebrata tra le isole dei Mari del Sud, è considerata l’origine del mito di queste isole. La sua bellezza non ha paragoni al mondo per la particolare combinazione di una verde formazione vulcanica contornata da una sorprendente laguna turchese che la circonda totalmente, chiusa da una striscia di corallo interrotta da piccoli isolotti, detti motu, sui quali potrete passare intere giornate in pieno relax. Sarete abbagliati dalla luce, dai colori e dall’atmosfera superba e romantica di quest’isola: il centro più importante di Bora Bora è Vaitape. È considerata l’isola dell’amore, racchiude e presenta i panorami, gli scenari e le atmosfere immacolate della creazione. La laguna è ricca di flora e fauna marina ed in queste acque basse è possibile vedere mante giganti, tartarughe, murene e branchi di pesci dai più incredibili colori.

La quotazione del volo e dell’itinerario del viaggio sono preparati su misura e secondo le specifiche esigenze del cliente, data la specificità della destinazione e delle varie possibilità di visite e soggiorni nei vari arcipelaghi Polinesiani.

La destinazione:

Bora Bora è conosciuta come la “Perla del Pacifico”. Sulle carte geografiche è segnalata tra le isole Leeward : essa infatti fa parte del gruppo delle isole delle Società denominato Isole Sottovento.

  • L'isola:

    Emersa circa 3 milioni di anni fa, l’isola si trova a 1 ora di volo da Papeete ed è dislocata a circa 280 Km a nord est di Tahiti. L’isola nel suo complesso è costituita da 38 kmq di terra emersa. Come tutte le isole di origine vulcanica anche Bora Bora è nata dal lento sommovimento delle placche tettoniche. La sua struttura geologica, caratterizzata dalla presenza di una indimenticabile barriera corallina che la circonda e da una vasta laguna , e stata creata dal lento sprofondare del Vulcano Mont Otemanu. La barriera corallina include una lunga serie di isolotti detti “motu”. L’unico “pass” (ossia l’interruzione della barriera corallina, canale che collega con l’oceano aperto) denominato Pass di Teavanui, si trova davanti al principale villaggio dell’isola Vaitape. Sulla costa est dell’isola sono presenti due baie : Faanui e Poofai. Da lontano la sagoma dell’isola è individuabile grazie ai suoi monti più elevati Otemanu 727 e Pahia.

    Emersa dal caos originale circa tre milioni di anni fa, Bora Bora, il cui nome suona come un incantesimo, in tahitiano significa “nata per prima”. Questa mitica isola,anticamente conosciuta con il nome di “Mai Te Pora”(“creata dagli dei”), sarebbe stata, secondo la leggenda, la prima terra, dopo Raiatea, ad uscire dalle acque e, per lungo tempo, è stata governata da donne.“La Perla del Pacifico”, così è stata battezzata dal capitano Cook,racchiude in sé la magia delle più belle isole della Polinesia. Frammento di basalto dal rilievo tagliente, questo antico vulcano squartato è caratterizzato dall’immensa sagoma dei suoi due picchi,i monti Pahia e Otemanu, i cui colori verdeggianti contrastano con le sfumature zaffiro, giada e turchesi della fantastica laguna che circonda l’isola.

    Rinomata per essere la più bella del mondo, la laguna di Bora Bora, collegata all’oceano attraverso lo stretto di Teavanui, è una piscina naturale multicolore e luminosa che offre un ampio ventaglio di svaghi nautici: immersione, vela, sci nautico, snorkeling o escursioni in piroghe. Bora Bora rappresenta l’ambiente ideale per praticare queste attività sportive e fare bagni di sole unici al mondo sulle sue bianche spiagge di sabbia fine, orlate da palme di cocco, sulla punta Matira oppure sui“Motu” (isolotti). Questi ultimi, che si snodano sull’acqua tiepida e cristallina della laguna, possono anch’essi rappresentare le destinazioni ideali per escursioni indimenticabili, in special modo a Motu Tapu, dove un bagno su questa isola “Tabù”, anticamente riservata ai re, consentirà al visitatore di provare delizie proibite.

    Ora Bora, che ha conservato uno stile di vita tradizionale, osservabile in special modo nell’architettura dei suoi alberghi di lusso (i celebri bungalow su palafitte), tutti gli anni, nel mese di ottobre, rappresenta l’ultima tappa della più rinomata corsa di piroghe del Pacifico del sud: la Havaiki Nui Va’a.

  • Attività:

    Escursioni e turismo naturalistico:
    La banchina del capoluogo, Vaitape, è lambita dal’unico canale del’isola, Teavanui, affiancato dal’incantevole isolotto Motu Tapu, luogo in cui fu girato il celebre “Tabou” di F. Murnau. La piazza principale del villaggio è stata battezzata piazza Alain Gerbault, poiché ospita la tomba, a forma di “Marae” con tre scalini in ciottoli, del famoso navigatore di inizio secolo, che fece del’isola la sua seconda patria. La strada che punta verso nord conduce alla punta Farepiti, che si affaccia sulla profonda baia di Faanui; il villaggio che porta lo stesso nome fu la culla dell’antica famiglia regnante, che ha lasciato il segno del proprio passaggio con numerosi “Marae” tutt’intorno alla baia. Osservando la punta Farepiti è possibile ammirare l’innalzarsi delle pietre del “Marae” reale Farerua, conosciuto anche con il nome di Marotetini, e, avvicinandosi al villaggio, le vestigia, meno importanti, dei “Marae” Taianapa e Fare Opu, con i loro petroglifi. Lasciando la baia, la strada attraversa l’antica base navale militare americana nata nel 1942, di cui rimane ancora qualche traccia; l’aeroporto di Bora Bora fu costruito dalle stesse truppe americane proprio di fronte, sulla corona di isolotti. Proseguendo, ci si inoltra tra le palme da cocco, seguendo il profilo della costa esposta ai venti e attraversando il tranquillo villaggio di Anau, senza perdere di vista i Motu sparpagliati sulla superficie della laguna, dai toni turchese e indaco. Sulla punta sud di Matira, ha inizio il tratto di costa più protetto, il paradiso dei turisti, con una bellissima spiaggia e una splendida laguna. Sulla collina, a mezz’ora a piedi, vegliano ancora sull’isola gli antichi pezzi di artiglieria dell’esercito americano puntati verso il mare. Dopo la punta Raititi, la strada si dirige verso la maestosa baia di Povai, che offre allo sguardo una vista spettacolare sul picco di Otemanu e sul Motu Toopua, dal dolce rilievo, che cela i segreti delle leggendarie “campane di Hiro”. Questo tratto della costa occidentale, fino a Vaitape, pullula di gente e rumori, hotel e divertimenti.

    Safari 4×4 in montagna:
    Possibilità di effettuare escursioni in jeep 4×4 verso l’interno dell’isola seguendo il tracciato di vecchie piste militari. La più famosa parte da Faanuiper dirigersi verso la baia di Vairau, con una sosta sulla cresta che offre una vista sulle isole vicine di Raiatea-Tahaa e Maupiti. Un secondo itinerario, limitato alla parte settentrionale dell’isola, segue le piste della Punta Taihi e il profilo della cresta alla volta del monte Popoti con i suoi 249 metri, ben riconoscibile grazie al suo picco.

    Itinerari a piedi:
    Per questo tipo di itinerari, si consiglia di farsi accompagnare sempre da una guida. Non esiste infatti segnaletica e le rocce sono friabili, rendendo difficoltosa la scalata. Raggiungere il Pahia non è impresa facile : sono necessarie tre ore per salire e due per scendere. L’itinerario parte da Vaitape, per inoltrarsi tra i frutteti e una foresta ricca di “mape” dalle forme più bizzarre, per giungere sino ai piedi del e scogliere. Il sentiero conduce, attraverso grandi spazi dominati da orchidee selvagge e da felci lussureggianti,a una prima cima, da cui si riparte alla volta della vetta del Pahia, da cui, secondo la tradizione, il dio della guerra scese da un arcobaleno. La vista panoramica su tutte le isole Sottovento è letteralmente mozzafiato. L’itinerario che conduce al monte Otemanu parte dalla baia di Vairau e richiede circa due ore di salita. La seconda parte, non semplice,si compie su pendii alquanto erti, soggetti alla caduta di massi, dove non è raro incontrare capre allo stato brado. L’entrata della grotta situata ai piedi del picco di Otemanu, che ospita una colonia di aquile di mare, è impressionante per le sue dimensioni. Dall’interno, la vista sull’oceano è spettacolare.

    Attività nautiche:
    Le attività che si possono svolgere su questa eccezionale laguna sono molteplici. La classica imbarcazione con il fondo di vetro appartiene ormai al passato su queste acque, avendo ceduto il passo al e escursioni in piroga o in catamarano con pic-nic su un “Motu”, visita alle razze manta o pasti agli squali. Sono disponibili per il noleggio barche di piccola taglia e acqua-scooter, ma anche imbarcazioni di dimensioni maggiori, con uno skipper, per andare alla ricerca del pesce spada in alto mare. I sub di qualunque livello troveranno mille modi di soddisfare la loro curiosità e sete di avventura. Tra i punti più rinomati per le immersioni, citiamo: il “viale delle razze”, che ospita vari tipi di razze, tra cui la razza leopardo, che nuota in imponenti banchi da cento esemplari, e la “valle bianca”, all’esterno della laguna, nella parte settentrionale dell’isola, che deve il proprio nome alla sabbia bianca del suo splendido spiovente, con i coralli che attirano pesci multicolori, seguiti da banchi di barracuda e squali. Un’altra zona di sicuro interesse è la punta Tupitupiti, considerata una delle più belle della Polinesia. Uno spiovente tempestato di coralli, spugne e gorgonie, che crea un incredibile spettacolo di colori, dove enormi squali, tonni e barracuda non mancano mai all’appuntamento.

    Immersioni subacquee:
    La sua immensa laguna offre la possibilità, anche ai sub che sono ancora alle prime armi, di incontrare, razze manta, razze leopardo e varie specie di squali. Svariati sono i siti che si trovano nelle acque calme della laguna ed il centro immersioni vi organizza “battesimi” e immersioni di riadattamento, in mezzo ad una fauna molto ricca. Nell’oceano, i sub avranno l’opportunità di nuotare a fianco di tartarughe, murene, napoleoni, banchi di carangidi, senza dimenticare la stragrande maggioranza di specie di squali polinesiani.

SOFITEL BORA BORA MARARA BEACH RESORT

cat. 4 stelle
L’hotel, situato vicino a Matira, è affacciato su un’ampia baia di sabbia bianca. Dista circa 20 minuti di barca dall’aeroporto.
Comfort: dopo consistenti lavori di rinnovamento, l’hotel si caratterizza per l’arredamento moderno ben armonizzato con elementi della tradizione locale. 64 bungalow molto confortevoli, di cui 28 situati nel rigoglioso giardino (i Deluxe Garden sono nel cuore della vegetazione mentre i Superior Garden più all’estremità), 11 Deluxe Beach situati in prossimità della spiaggia, 11 Deluxe Lagoon Front situati in parte sulla terraferma e in parte sulla laguna. Infine 13 nuovissimi Overwater, che offrono una notevole privacy e una spaziosa terrazza con accesso diretto al mare.
Piaceri e sapori: 2 ristoranti, il primo di specialità giapponesi, il secondo con specialità internazionali, francesi e polinesiane; bar sulla spiaggia. A vostra disposizione: piscina e spa.
Attività gratuite: snorkeling, kayak, windsurf, tennis, pallavolo.
Attività a pagamento: escursioni in barca, a cavallo e in 4×4 e immersioni.

Prezzi su richiesta.

BORA BORA PEARL BEACH RESORT

cat. 5 stelle
Situato sul motu Tevairoa, a 10 minuti di barca dall’aeroporto di Bora Bora e a 15 minuti da Vaitape, il principale centro dell’isola.
Comfort: l’hotel, parte della prestigiosa collezione “Leading Hotels of the World”, gode di una bella vista sul Monte Otemanu. Dispone di 20 suite Garden Pool (alcune Premium, più vicine alla spiaggia), immerse in un rigoglioso giardino tropicale con piccola piscina privata; 10 suite Beach con giardino privato e vasca jacuzzi, e 50 bungalow Overwater. Questi ultimi, costruiti direttamente sulla laguna, rappresentano una proposta esclusiva con un’ampiezza di 61 mq e accesso diretto al mare, oltre al tavolino con fondo in vetro per ammirare i coloratissimi pesci. Tra questi 20 sono definiti Premium, data la posizione privilegiata. Tutte le camere sono dotate di aria condizionata, ventilatore a pale e di ogni confort.
Piaceri e sapori: 2 ristoranti, di cui il principale è il Tevaroia che gode di una magnifica vista sulla laguna e sul Monte Otemanu e offre una cucina internazionale. Due sere alla settimana è possibile assistere dalla sua terrazza panoramica ad un tipico spettacolo polinesiano. Il Miki Miki, bar e ristorante, è aperto per pranzo e offre una cucina locale e snack ai bordi della piscina. Il Taurearea Bar, aperto dal pomeriggio alla sera, è invece più adatto per un cocktail.
A vostra disposizione: trasferimenti gratuiti in motoscafo e minibus per Vaitape, servizio elicottero per Taha’a, piscina, diving centre, negozi, “Manea Spa”.
Attività gratuite: minigolf, canoa, attrezzatura per snorkeling, ping pong, badminton, tennis, pallavolo.
Attività a pagamento: pasto agli squali, immersioni, sci d’acqua, pesca d’altura, crociera in catamarano, tour dell’isola in 4×4, escursioni a cavallo, minicrociera al tramonto, escursioni in barca con fondo di vetro, escursioni a piedi sul Monte Pahia.

Prezzi su richiesta.

INTERCONTINENTAL RESORT & THALASSO SPA

cat. 5 stelle
A circa 20 minuti di barca dall’aeroporto, è situato sul magnifico motu di sabbia bianca Piti Aau nella laguna cristallina di Bora Bora.
Comfort: il resort, inaugurato nel 2006, ha un’architettura moderna coniugata armoniosamente con l’arredamento tradizionale del luogo. La progettazione del resort ha rispettato l’ambiente e l’hotel è l’unico al mondo, al momento, che utilizza l’acqua del mare, a oltre 800 metri di profondità, per la climatizzazione. Dispone di 80 splendide ville su palafitta (circa 100 mq, terrazza inclusa), dotate di accesso diretto alla laguna e con tetto in pandano intrecciato, come da migliore tradizione polinesiana. Ogni villa offre la terrazza con solarium, la sala con tavolino di vetro per ammirare i fondali, la camera da letto con cabina armadio separata e un grande e luminoso bagno aperto sulla laguna. I confort comprendono 2 TV a schermo piatto con canali locali e internazionali, lettore dvd, connessione Internet ADSL. Le 21 villa Emerald hanno vista sul motu e sulla spiaggia; le 24 Sapphire sulla laguna e sull’isola di Bora Bora; le 35 Diamond offrono un magnifico panorama sul monte Otemanu e sulla laguna trasparente.
Piaceri e sapori: 2 ristoranti: il Sand’s in prossimità della spiaggia e il gourmet Le Reef; 2 bar tra cui il Bubble’s, in stile design con splendida vista.
Deep Ocean Spa: splendido centro “Thalasso Spa”, dove viene utilizzata l’acqua marina ricca di minerali pescata in profondità. La Spa, che si estende su una superficie di oltre 4.000 mq, è gestita dalla Algotherm la cui reputazione ed esperienza è riconosciuta in tutto il mondo. Dispone di grande piscina d’acqua di mare, hammam, sala fitness e aerobica e cabine su palafitte con pavimento in vetro.
A vostra disposizione: room service 24 ore su 24, boutique, splendida piscina, campi da tennis, eliporto e cappella su palafitta per celebrazioni di matrimoni.
Attività gratuite: snorkeling, canoa, kayak, windsurf, tennis, beach volley, fitness.
Attività a pagamento: servizio di navetta da e per il villaggio di Vaitape, immersioni, escursioni in barca e 4×4, tour in elicottero. noleggio auto e motorino, giri a cavallo.

Prezzi su richiesta.

Approfondimenti sul Paese:

Vuoi maggiori informazioni sulla Polinesia Francese? Clicca qui

Formalità d'ingresso:

POLINESIA FRANCESE: Informazioni utili
Scopri di più
POLINESIA FRANCESE: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità di almeno 6 mesi dalla data di rientro. Poiché nella maggior parte dei casi l’ingresso in Polinesia francese avviene transitando dagli Stati Uniti, consultare anche la Scheda Stati Uniti).
Dopo gli avvenimenti dell’11 settembre 2001, vengono effettuati rigorosi controlli sui documenti d’identità all’aeroporto di Los Angeles (transito per la Polinesia francese, sottoposto ai controlli dell’Ufficio Immigrazione statunitense). Lo smarrimento del passaporto durante il soggiorno rende pertanto impossibile per il suo titolare il transito di ritorno negli Stati Uniti e, di conseguenza, impone la modifica del proprio itinerario di viaggio con connessi esborsi economici.  Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese se presenti in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di minori”.

Motivi di lavoro: le Autorità sono particolarmente rigide nel far rispettare il divieto nei confronti dei non residenti di esercitare un’attività lavorativa dipendente. Il contravvenente viene espulso immediatamente e dichiarato “persona non gradita”. Apposite norme disciplinano le autorizzazioni per avviare attività di lavoro autonomo sostenuto da investimenti.

Visto d’ingresso: non necessario per un soggiorno di tre mesi. Nel caso in cui la permanenza dovesse prolungarsi oltre tale termine, gli interessati dovranno indirizzare all’Alto Commissario, un mese prima della scadenza del trimestre, apposita domanda per ottenere il “permesso di soggiorno”.
N.B. –  Il territorio della Polinesia NON appartiene all’ area Schengen. 

Formalità valutarie:  il sito delle dogane francesi http://www.douane.gouv.fr/articles/c912-collectivites-et-territoires-d-outre-mer contiene informazioni utili al riguardo.