CILE

Atacama, Lagune e Salar

14 giorni - 11 notti / viaggio di gruppo
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Inserisci un nome valido
Inserisci un cognome valido
Inserisci un indirizzo email valido
Inserisci un numero di telefono valido
Inserisci un messaggio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

Il Cile con i suoi 4.000 km di lunghezza da nord a sud presenta caratteristiche e paesaggi unici al mondo. Questa proposta si focalizza sul nord del paese, che gode di clima mite tutto l’anno ed è particolarmente indicata nella nostra stagione estiva.

Caratteristiche del Viaggio:

  • Visita di Viña del Mar e Valparaiso con il suo coloratissimo centro storico
  • Escursione nel luogo più surreale del Cile, i Geyser del Tatio
  • Alla scoperta delle fantastiche lagune del Deserto di Atacama
  • Escursione nel Parco Nazionale di Lauca ed al lago Chungarà

 

Possibilità di estensione all’Isola di Pasqua a fine tour (quote su richiesta)

Programma di viaggio

1° giorno: ITALIA - SANTIAGO DEL CILE

Partenza con volo di linea per per Santiago del Cile (non incluso in quota). Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno: SANTIAGO DEL CILE

Trasferimento e sistemazione in hotel (early check-in su richiesta e soggetto a disponibilità). Nel pomeriggio camminata per il centro della città con visita della Cattedrale e del Palazzo del Governo “La Moneda” (ingresso non previsto), il “paseo” Ahumada, il quartiere di Bellavista e quello residenziale con eleganti palazzi, cuore commerciale finanziario di Santiago. In seguito si raggiunge la collina di San Cristobal (o simile) da dove si può godere di una magnifica vista panoramica della città di Santiago e della Cordigliera delle Ande. Pernottamento.

3° giorno: SANTIAGO - VALPARAISO - VIÑA DEL MAR

Intera giornata di visita a Viña del Mar e Valparaiso, attraversando le valli di Curacaví e Casablanca, famose per la produzione di ottimi vini. Visita di Playa Las Salinas, Reñaca, del Casino Municipal e del tradizionale viale Costanera di Viña del Mar e della splendida Valparaiso. Rientro a Santiago e pernottamento.

Distanza Santiago – Valparaiso: 120 Km
Durata trasferimento: circa 1,30h

4° giorno: SANTIAGO – ARICA – PUTRE

Trasferimento in aeroporto. Partenza con volo di linea per Arica, confinante con il Perù, conosciuta come la città “dell’eterna Primavera” grazie alle sue miti temperature. Arrivo. Breve visita della città, confinante con il Perù è conosciuta come la città “dell’eterna Primavera” grazie alle sue miti temperature. Visita delle spiagge Chinchorro e Lisera, del pittoresco molo di pescatori che attira pellicani e leoni marini, della Cattedrale San Marcos e la Casa della Cultura, entrambi disegnati da Gustavo Eiffel. In seguito salita al Morro storico da dove si potrà godere di un magnifico paesaggio di tutta la città e della costa. Proseguimento per Putre attraversando la valle di LLuta famosa per i geroglifici e i cactus candelabro nella Quebrada de Cardones. Pranzo box lunch in corso di trasferimento. Tempo libero per una breve camminata nel Pukara (fortezza) de Copaquilla. Arrivo a Putre e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

5° giorno: PUTRE – PARCO NAZIONALE DI LAUCA – ARICA

Intera giornata di escursione al Parco Nazionale Lauca, un’area protetta che preserva la fauna e la flora dell’ecosistema altiplanico e dichiarato Riserva Mondiale della Biosfera dall’Unesco. Si potrà ammirare la fauna e flora tipica dell’altipiano andino, vicuñas, lama e alpaca, nelle piccole lagune fenicotteri e numerose specie di uccelli andini e con un po’ di fortuna anche ñandu e condor. Visita a Parinacota, Monumento Nazionale, e alla sua chiesa costruita in tipico stile andino. Si prosegue per il Lago Chungarà, il più alto del mondo a 4.500 metri d’altezza, circondato dai vulcani gemelli Parinacota (6.330 m) e Pomaire (6.240 m). Pranzo box-lunch in corso di escursione. Nel pomeriggio rientro ad Arica e sistemazione in hotel. Pernottamento.

Altitudine massima: 4.500 m.s.l.m

6° giorno: ARICA – IQUIQUE

In mattinata partenza per Iquique con sosta a “Cerro Unita” per la visita del “Gigante di Atacama”, la figura antropomorfa più grande del mondo con i suoi 86 metri d’altezza e che rappresenta un “capo” Tiwanaku. Proseguimento per le miniere di salnitro di Humberstone e Santa Laura, dichiarate dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, dove si potranno osservare gli edifici adibiti ad abitazioni, il mercato, il teatro, la chiesa, la piscina, e la zona dei macchinari. Pranzo box-lunch in corso di trasferimento. Arrivo ad Iquique e visita della città con una camminata per la Calle Baquedano caratterizzata da molti edifici in stile “Revival Greek” , costruiti durante l’epoca della fiorente industria del salnitro. Visita del Museo Regionale che ospita un’interessante mostra archeologica e di oggetti appartenenti all’epoca dell’industria del salnitro; del Palazzo Astoresca che custodisce pitture, arredamento originale arrivato dall’Europa e una mostra etnografica e una bizzarra collezione di conchiglie marine raccolte in tutto il mondo. In seguito visita di Plaza Prat con la Torre del Reloj ed il Teatro Municipale del 1889, la cattedrale e del villaggio dei pescatori e molo Prat. Pernottamento.

Distanza Arica – Iquique: 300 Km

7° giorno: IQUIQUE – CALAMA – SAN PEDRO DE ATACAMA

In mattinata trasferimento a San Pedro de Atacama, attraversando il maestoso deserto di Atacama. Pranzo in corso di escursione. Arrivo, sistemazione in hotel e pernottamento.

8° giorno: LAGUNAS ALTIPLANICAS, TOCONAO, SALAR DE ATACAMA

Giornata dedicata alla visita delle lagune Miñiques e Miscanti, del pittoresco villaggio di Socaire e di Toconao, piccolo “pueblo” coloniale interamente costruito in “liparite”. In seguito sosta nel salar de Atacama con la bella Laguna Chaxa. Pranzo in corso di escursione. Pernottamento.

Attenzione: L’ordine delle escursioni è puramente indicativo e potrebbe subire variazioni. L’ordine definitivo, sarà comunicato all’arrivo a San Pedro de Atacama dal rappresentate locale.

9° giorno: GEISER DEL TATIO & VALLE DELLA LUNA

Partenza molto presto per l’escursione ai Geysers del Tatio. Colazione e passeggiata guidata verso il campo geotermale per osservare le imponenti fumarole. Nel pomeriggio visita della cordigliera del sale, della valle di Marte e della Valle de La Luna. Pernottamento.

10° giorno: SAN PEDRO DE ATACAMA – CALAMA – SANTIAGO

Trasferimento (senza guida) all’aeroporto di Calama. Partenza con volo per Santiago del Cile. Arrivo. Trasferimento e sistemazione in hotel. Pernottamento

11° giorno: SANTIAGO - ITALIA

Prima colazione. Trasferimento in tempo utile in aeroporto e partenza con volo per l’Italia (non incluso in quota). Pasti e pernottamento a bordo.

12° giorno: ITALIA

Arrivo in Italia in giornata. Fine del viaggio.

Informazioni sul viaggio:

Attenzione:
– Il programma potrebbe subire delle variazioni, anche in corso di viaggio, senza modificare il contenuto delle visite.
– I gruppi saranno formati localmente unendo passeggeri di diversi Tour Operator.
– Durante il viaggio si toccano località situate ad altitudine superiore ai 3.500 mt s.l.d.m. L’itinerario è studiato in modo da limitare il più possibile i disturbi dovuti all’altitudine, tuttavia è importante che i partecipanti godano di buona salute al momento di intraprendere il viaggio.

  • le sistemazioni:
    • Hotel standard
      • Santiago: Novotel Providencia***Sup
      • Putre: Qantati***
      • Arica: Apacheta***Sup
      • Iquique: Hilton Iquique****Sup
      • San Pedro De Atacama: Casa De Don Tomas***
    • Hotel superior (disponibilità soggetta a riconferma):
      • Santiago Del Cile: Cumbres Lastarria****
      • Putre: Qantati***
      • Arica: Apacheta***Sup
      • Iquique: Hilton Iquique****Sup
      • San Pedro De Atacama: Altiplanico Atacama***Sup

    N.B. Le sistemazioni previste potrebbero essere sostituite con altre similari di pari categoria

  • Località:

    SANTIAGO
    Santiago, la capitale, adagiata nella valle centrale del Paese e circondata dalle montagne della cordigliera delle Ande è il centro politico, amministrativo e culturale del Cile. A causa dei numerosi terremoti la città ha subito nel corso degli anni notevoli cambiamenti e oggi edifici storici lasciano spazio a grattacieli e moderni centri commerciali. Il cuore del centro storico si sviluppa intorno alla vivace Plaza de Armas, dove si affacciano la Cattedrale, il Correo Central, il Palazzo della Real Audencia, in passato utilizzato come governo e il Municipio. Nelle vicinanze si trovano il Paseo Ahumada, la via commerciale pedonale piena di negozi, bar e ristoranti, il Palacio de la Moneda, in stile neoclassico progettato nel 1785, il Palazzo Cousiño appartenente alla famiglia Cousiño-Goyenechea, tra le più facoltose dell’epoca e il Teatro Municipale, un vero gioiello architettonico. Da non perdere la visita del Mercado Central, costruito alla fine dell’800, in bella struttura di ferro importata dall’Inghilterra che oggi ospita il pittoresco mercato del pesce dove si trovano ristoranti che offrono ottimi piatti. A nord, al di là del Rio Mapocho, si può raggiungere il Cerro San Cristóbal, che offre una strepitosa vista della città. Ai suoi piedi, il Barrio Bellavista è pieno di caffè, ristoranti, bar e club alla moda e ospita La Chascona, la casa-museo del poeta Pablo Neruda. Il frizzante e mondano quartiere di Lastarria è un’oasi nascosta nel centro della città, con ristoranti, teatri, gallerie d’arte e boutique di designer emergenti. Nel quartiere di Barrio Italia dove si stabilirono gli artigiani immigrati nel 19° secolo, è un susseguirsi di negozi di antiquariato con bei mobili e simpatici oggetti, gallerie d’arte, bar e ristoranti tradizionali. Per gli amanti della storia e della cultura imperdibile è il Museo della Memoria e dei Diritti Umani, dedicato ai fatti accaduti durante la dittatura di Pinochet, il Museo Nazionale de Bellas Artes, che espone opere di artisti cileni tra i quali Roberto Matta e Claudio Bravo e il MAC (Museo di Arte Contemporanea) che espone fotografie, sculture e opere di artisti cileni e non solo. Negli ultimi anni, Santiago ha avuto una grande rinascita nel campo delle arti, della cultura e della vita sociale, con la comparsa di nuove gallerie d’arte dove espongono artisti emergenti, musei e ristoranti trendy, trasformandosi in una delle capitali più attraenti e vive dell’America Latina.

    VALPARAISO
    L’importanza di Valparaíso risale agli inizi dell’800, quando il porto iniziò a svilupparsi rapidamente per la sua posizione strategica lungo la rotta delle navi che attraversavano lo stretto di Magellano, unico passaggio tra i due oceani, diventando la principale città commerciale e finanziaria del Paese. Con la costruzione del Canale di Panama iniziò la decadenza e le industrie, le banche e gli imprenditori si trasferirono a Santiago. Di quel glorioso passato sono rimasti bellissimi palazzi e quartieri incastonati sulle pendici e sulla sommità delle colline che dividono la parte bassa e alta della città, collegata da ascensori risalenti al 1900 e ancor oggi funzionanti. Camminare per i “barrios”, i quartieri di Valparaíso, è come immergesi in una grande esposizione d’arte, tanto che nel 1992 fu inaugurato il museo a cielo aperto, una collezione di opere di 18 artisti cileni tra i quali Roberto Matta, Josè Balmes, Matilde Pérez e Nemesio Antúnez comprendente 20 murales che si sviluppano lungo le vie del Barrio Bellavista, riempiendo di colori scale, vie e pareti dove figure e personaggi convivono armoniosamente. Il centro storico di Valparaíso è stata dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2003, inoltre in città, nel Cerro Florida, si trova “la Sebastiana” una delle tre case di Pablo Neruda, il grande poeta e scrittore cileno da dove si gode di una magnifica vista sulla baia e sul porto.

    VIÑA DEL MAR
    La località di Viña del Mar, è conosciuta come la “città giardino” per i bei parchi e le decorazioni floreali che rallegrano la città. Viña del Mar è giustamente considerata uno dei maggiori centri cileni per il turismo balneare con le piacevolissime “playas” Las Salinas e Reñaca.

    ARICA
    Grazie al suo clima piacevole, Arica è considerata la “capitale balneare” del Cile; attraversando la moderna Plaza Colón, si visiteranno la Cattedrale di San Marcos e la Casa Della Cultura – progettata nei laboratori del francese Gustavo Eiffel – entrambi gli edifici con uno spiccato aspetto ottocentesco. Non distante da Arica, lungo l’antico sentiero nella Valle di Azapa, si potranno ammirare i misteriosi geoglifi preincaici incisi sui pendii dei colli circostanti. Si visiterà poi il museo archeologico di San Miguel, dove sono esposte le mummie Chinchorro, preziose vestigia di un misterioso gruppo di pescatori che, grazie alla sabbia del deserto ed al clima secco, scoprirono il più antico processo di mummificazione, datato 5.000 anni prima di Cristo. I corpi mummificati – più antichi della più antica mummia egizia – e i fragili resti degli oggetti tipici di quella cultura sono stati preservati in uno stato eccellente, e trasmettono un senso di arcaicità e mistero.

    PUTRE
    Lasciando la costa ed inoltrandosi nell’altopiano andino, a 3.500 metri di quota, si trova la cittadina di Putre. Di per sé assai graziosa, Putre ha nei suoi dintorni i maggiori punti di interesse, sia che si parli di bellezze naturali, come i cactus candelabro nella Quebrada de Cardones, o di ricchezze archeologiche, come gli affascinanti e misteriosi geoglifi nella valle di Lluta ed il Pukara (fortezza) incaico di Copaquilla.

    LAUCA
    Lauca è una Riserva della Biosfera, una designazione internazionale dell’Unesco per definire aree con diversi ecosistemi ed il loro positivo bilanciamento con l’attività antropica. In particolare quella di Lauca è un insieme di tre aree protette che preservano l’ecosistema dell’altipiano andino: il Monumento Nazionale del Salar de Surire, la Riserva Nazionale Las Vicuñas e, soprattutto il Parco Nazionale Lauca. In quest’ultimo luogo è possibile ammirare le spettacolari fauna e flora tipiche dell’altipiano: nell’aria rarefatta d’alta quota, tra erbe e cespugli stepposi spazzati dal vento pascolano vigogne, lama e alpaca, le piccole lagune sono colorate dai fenicotteri e numerose specie di uccelli e, con un po’ di fortuna, si possono vedere scorazzare i nandu e veleggiare il maestoso condor. Altro luogo di estremo interesse è il piccolo villaggio di Parinacota, con la sua tipica chiesa costruita in stile andino, oggi Monumento Nazionale. E ancora, il Lago Chungarà, il più alto del mondo a 4.500 metri d’altezza, circondato dai vulcani gemelli Parinacota (6.330 m) e Pomaire (6.240 m): un panorama davvero impareggiabile!

    IQUIQUE
    Iquique è una città portuale del settentrione cileno. Cresciuta durante l’epoca della fiorente industria del salnitro, tra la fine del XIX ed i primi decenni del XX secolo, i principali edifici di interesse storico ed architettonico risalgono a questo periodo: il Casino Español, in stile moresco e con un’esuberante decorazione interna, la Plaza Prat, con la Torre del Reloj ed il Teatro Municipale del 1889, l’intera Calle Baquedano, caratterizzata da molti edifici in stile “Revival Greek”, ed il Palazzo Astoresca, costruito nel 1904, oggi centro culturale con pitture, arredamento originale arrivato dall’Europa, una mostra etnografica e una bizzarra collezione di conchiglie marine raccolte in tutto il mondo. Il Museo Regional ospita, insieme ad un’interessante mostra archeologica, oggetti appartenenti allo stesso periodo di fioritura della città. Iquique è famosa, nella storia cilena anche per il combattimento navale di Iquique e di Punta Gruesa, durante la Guerra del Pacifico del 1879-84, episodio ricordato dalla collezione raccolta nel Museo Navale.

    SANTA LAURA E HUMBERSTONE
    Humbertone e Santa Laura sono due ex raffinerie di salnitro situate nel nord del Cile. Si trovano a 48 km ad est della città di Iquique, nel deserto di Atacama. Vennero fondate nel 1872 in un’area che faceva ancora parte del Perù. Entrambe le miniere crebbero velocemente e intorno ad esse si svilupparono operose città con edifici in stile inglese. Negli anni 60, in seguio alla grande depressione e ai problemi economici, le officine furono abbandonate e già nel 1970, ormai ridotte al rango di città fantasma, vennero dichiarate monumento nazionale ed aperte al turismo. Nel 2005 sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Ancora oggi all’interno di queste città fantasma si può avere una chiara idea di quella che era la vita nei periodi d’oro delle raffinerie. Oltre alle miniere vere e proprie, si possono visitare le case, la scuola, gli uffici, la chiesa, i campi da tennis, il mercato e il teatro

    SAN PEDRO DE ATACAMA (altitudine: 2.440 m.slm) Il pittoresco villaggio di San Pedro de Atacama si trova a 2440 mslm e si è trasformato nel corso degli ultimi anni da cittadina mineraria in zona turistica, con viali alberati, case di adobe, un’antica piazza dove si affacciano l’edificio municipale e la chiesa di San Pedro risalente al 1774, ristoranti, negozietti di artigianato e l’imperdibile Museo Arqueológico R. P. Gustavo Le Paige che raccoglie più di 380.000 reperti provenienti dalla regione e risalenti alla cultura atacameña. Il paese è un ottimo punto di partenza per visitare le bellezze naturalistiche della zona: Il salar de Atacama, il lago salato più grande del Cile nasconde splendidi luoghi come la laguna Chaxa e Cejar popolate da colonie di fenicotteri rosa e circondate dalla cordigliera con l’imponente vetta del vulcano Licancabur; le lagune Miscanti e Meñiques, due incantevoli laghi a più di 4.000m d’altezza, con acque blu zaffiro facenti parte della Riserva Nazionale Los Flamencos.
    San Pedro de Atacama è famosa anche per avere i cieli più limpidi del mondo con più di 330 notti serene che permettono di osservare impressionanti spettacoli stellari. Per questo motivo, oltre all’assenza di contaminazione luminosa del deserto, in questa zona è stato costruito il radiotelescopio più grande e potente del mondo EL ALMA.

    DESERTO DI ATACAMA Il deserto di Atacama, il più lungo e arido della Terra, si estende da La Serena fino a Iquique e Arica ed è delimitato a ovest dall’Oceano Pacifico e ad est dalle Ande. Tutta l’area è un susseguirsi di paesaggi aridi che comprendono laghi salati, geysers, acque termali, inaspettate oasi e lagune, deserti sabbiosi, cime rocciose, vulcani attivi e canyon scolpiti dal vento che offrono uno scenario quasi marziano.

    GEYSERS DEL TATIO (altitudine: 4.300 m.slm): Sul confine boliviano, a 4300 metri di altezza sul livello del mare, si incontra un’ampia distesa di geyser che offre uno spettacolo suggestivo: i Geysers del Tatio, che prendono il nome dal vicino vulcano Tatio.
    Il geyser è un fenomeno della natura abbastanza raro in quanto richiede una serie di condizioni climatiche e geologiche riscontrabili solo in poche aree del pianeta, tra queste il Cile; la combinazione di acqua bollente e aria ghiacciata permette la formazione dei geyser con eruzioni che possono arrivare fino ai 6 metri di altezza.
    All’alba, i Geysers del Tatio si possono osservare nella loro massima attività: incredibili colonne d’acqua e vapore scintillano nella luce del mattino.

Approfondimenti sul Paese:

Vuoi maggiori informazioni sul Cile? Clicca qui

Prezzi e date:

Tour di 12 giorni – 9 notti
partenze a data fissa, minimo 2 partecipanti, con assistenza di guide locali parlanti Italiano

Quote per persona a partire da, voli NON inclusi * :

partenze hotel STANDARD hotel SUPERIOR
in doppia suppl. singola in doppia suppl. singola
27 maggio 2024 € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
10 e 24 giugno € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
08 e 22 luglio € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
05, 19 e 26 agosto € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
23 settembre € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
05 e 21 ottobre € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta
04 e 18 novembre € 4.290 € 680 su richiesta su richiesta

* NOTA BENE:
VOLI: verranno quotati alla miglior tariffa disponibile al momento della prenotazione
– le quote in tabella sono da intendersi “indicative” e soggette a riconferma al momento della prenotazione, sulla base delle effettive disponibilità dei servizi previsti

Quota individuale di gestione pratica: € 95

Garanzia PREZZO SICURO: € 90 per persona (facoltativa, chiedere dettagli)

Assicurazione annullamento-medico-bagaglio: da quotarsi in base al costo totale del viaggio

Possibilità di estensione all’Isola di Pasqua a fine tour (quote su richiesta)

La quota comprende:

  • Hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base doppia camera standard (due letti singoli, il letto matrimoniale non è mai garantito)
  • Trasferimenti ed escursioni come da programma con servizio collettivo e guide locali parlanti italiano. Trasferimento Calama/San Pedro de Atacama/Calama solo autista.
  • Pasti indicati nel programma
  • Assicurazione medico-bagaglio
  • Polizza viaggi rischio zero
  • Gadget previsti e documentazione informativa
  • Assistenza H24

La quota non comprende:

  • Voli in classe economica e le relative tasse aeroportuali
  • Pasti non menzionati in programma
  • Bevande, mance, extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Escursioni facoltative
  • Polizza assicurativa annullamento
  • Garanzia “Prezzo Sicuro”
  • Quota individuale di gestione pratica
  • Tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”

Formalità d'ingresso:

CILE: Informazioni utili
Scopri di più
CILE: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto d’ingresso: non necessario, per turismo fino a tre mesi (90 giorni) di permanenza nel Paese.
Si raccomanda di fare attenzione a non smarrire la copia del foglietto di immigrazione compilato all’atto di ingresso nel Paese, necessario per l’uscita dal Cile. In caso di furto occorre  denunciarlo immediatamente.

Formalità valutarie: nessuna. Non è possibile fare ingresso in Cile con importi in contanti non dichiarati superiori ai 10.000 USD.
La valuta straniera in Cile può essere liberamente cambiata nel Paese. Il Peso è convertibile in tutte le monete. Le Società commerciali sono, sotto il profilo giuridico, simili a quelle italiane.
Ulteriori informazioni sono reperibili consultando i seguenti siti: http://www.ambsantiago.esteri.it ;
http://www.infomercatiesteri.it/paese.php?id_paesi=40#slider-2

Controlli fitosanitari alle frontiere: al momento dell’ingresso nel Paese viene richiesto ai viaggiatori di compilare un modulo nel quale si dichiara l’eventuale presenza di frutta, miele, prodotti di origine vegetale (tra cui manufatti in legno) o animale (formaggi, insaccati, ecc.) ed altro.
Si invitano i viaggiatori a prestare particolare attenzione nella compilazione di tale dichiarazione, poiché vengono realizzati controlli capillari presso tutte le frontiere di ingresso (terrestri, portuali ed aeroportuali) da parte del SAG (Servicio Agricola y Ganadero), che provvede all’attento esame dei veicoli e di tutti i bagagli, anche tramite apparecchiature a raggi X.
Nel caso di rinvenimento di prodotti il cui ingresso e’ vietato nel Paese, essi vengono sequestrati e distrutti. Nel caso in cui non si sia provveduto a dichiararne il possesso, vengono applicate sanzioni pecuniarie anche rilevanti.
Onde evitare inconvenienti, si suggerisce di visionare preventivamente il sito web del SAG (www.sag.cl) nella sezione ingreso/salida de Chile/pasajeros, dove sono elencati i prodotti autorizzati e quelli vietati.
In caso di dubbio sul contenuto del proprio bagaglio o su specifici oggetti, si consiglia di dare risposta affermativa nella dichiarazione circa la possibile presenza di prodotti di origine animale o vegetale, lasciando ai funzionari del SAG la facoltà di identificare l’eventuale presenza di prodotti effettivamente vietati: in tal caso, i prodotti che dovessero essere rinvenuti verrebbero sequestrati, senza incorrere in sanzione alcuna.