PATAGONIA
CROCIERE AUSTRALIS

I Fiordi della Terra del Fuoco

5 giorni - 4 notti
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Inserisci un nome valido
Inserisci un cognome valido
Inserisci un indirizzo email valido
Inserisci un numero di telefono valido
Inserisci un messaggio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il viaggio:

La parte australe della Terra del Fuoco è indubbiamente l’itinerario più magico delle crociere in Patagonia proposte da Australis. Salpa per una avventurosa spedizione di cinque giorni e quattro notti, tra Ushuaia, in Argentina, e Punta Arenas, in Cile, passando per alcuni dei luoghi più remoti ed incredibili del pianeta. Si scoprirà la bellezza selvaggia della Patagonia in un viaggio che permetterà di godere di paesaggi incontaminati della regione, la ricca diversità della fauna e l’affascinante storia umana, vivendolo a bordo di una nave da crociera dotata di straordinari livelli di comodità e servizi eccellenti, fino al fine del mondo.

Itinerario “I FIORDI DELLA TERRA DEL FUOCO”, da Punta Arenas a Ushaia:
Punta Arenas (Chile) – Baia Ainsworth – Isolotto Tuckers – Ghiacciaio Pía – Via dei Ghiacciai – Capo Horn – Baia di Wulaia – Ushuaia (Argentina)
L’avventura inizia a Punta Arenas, proseguendo verso il Parco Nazionale Alberto de Agostini e la pittoresca Baia di Ainsworth, circondata da montagne innevate, ricca di fauna selvatica e di sentieri panoramici. Lo scenario mozzafiato non ha fine, la nave scivola lungo l’Avenida de los Glaciares, il Ghiacciaio Pìa, oltre la cordigliera di Darwin e lungo il Canale di Beagle. Questo splendido itinerario che prevede la visita di molti meravigliosi siti della Terra del Fuoco e varie e interessanti attività – sbarchi, escursioni, tour a bordo di zodiac e avvistamenti della fauna selvatica – culmina con la conoscenza di Baia Wulaia, del Canale di Murray e del Parco Nazionale di Capo Horn, un finale decisamente spettacolare.

 

photo credits: Crociere Australis e altre fonti

Programma di viaggio

1° Giorno: Punta Arenas

La porta d’ingresso per raggiungere l’estremità della Patagonia è Punta Arenas, dove troverete le navi da crociera Australis ormeggiate nel porto e impazienti di solcare i mari. Il check-in è previsto tra le ore 13:00 e le ore 17:00, con imbarco dalle ore 18:00 in poi. La vostra prima serata sarà un’esperienza piacevole perché potrete sfruttare al meglio la luce e godere di panorami mozzafiato, godervi un drink di benvenuto, assistere alla presentazione dell’equipaggio e consumare un pasto gourmet nel nostro ristorante, naturalmente.

2° Giorno: Baia Ainsworth – Isolotti Tucker

Si inizia con una suggestiva navigazione attraverso l’insenatura Almirantazgo, una spettacolare propaggine dello Stretto di Magellano che si estende quasi a metà strada attraverso la Terra del Fuoco, verso la baia di Ainsworth e il ghiacciaio Marinelli. Le imponenti montagne del Parco Naturale Karukinka dominano il lato settentrionale del fiordo, mentre la riva meridionale dell’insenatura Almirantazgo è caratterizzata da profondi fiordi e ampie insenature, il Parco Nazionale Alberto de Agostini e la Baia di Ainsworth, prima tappa. Salite a bordo della nostra flotta di agili gommoni Zodiac e iniziate ad esplorare la costa, prima di scegliere tra due intrepide escursioni. Una tranquilla camminata verso remoti habitat di castoro e una cascata nascosta, mentre l’altra è più faticosa e ti vede scalare la cresta di una morena glaciale.
Più tardi, dopo aver ammirato il ghiacciaio Marinelli e le montagne di Darwin durante il vostro trekking, gli Zodiac, dopo il pranzo, vi condurranno alla scoperta degli isolotti Tucker, dove la vostra guida esperta vi spiegherà come la vita, molti millenni fa, in tutta la regione, ha cominciato ad emergere e a adattarsi, mentre le calotte polari si ritiravano. Gli isolotti Tucker sono il luogo ideale per assistere in prima persona a questa evoluzione, oltre ad essere la patria di enormi colonie di pinguino di Magellano e di cormorani, che potrete ammirare durante tutto il pomeriggio, così come la nidificazione delle beccacce di mare, gli Skuas cileni, i gabbiani di Magellano, le aquile e persino l’occasionale Condor andino.
NOTA: Nei mesi di settembre e aprile questa escursione viene sostituita da una spedizione di trekking sui ghiacciai nella baia di Brookes.

3° Giorno: Ghiacciaio Pía – Avenida de los Glaciares

Il momento clou di ogni crociera in Terra del Fuoco arriva il terzo giorno, la vista del ghiacciaio Pia, un blocco di ghiaccio solido lungo 20 km, una meraviglia da ammirare da vicino. Durante la notte, avrete navigato intorno all’estremità occidentale della Terra del Fuoco attraverso gli stretti canali di Gabrial, Magdalena e Cockburn. Dopo colazione, si sale a bordo di Zodiac che vi accompagnano vicino al Ghiacciaio Pìa dove sbarcherete per un’escursione indimenticabile. La camminata può essere a ritmo lento, sebbene ci siano alcuni punti fisicamente impegnativi, ma ogni sforzo è più che premiato, una volta raggiunto il belvedere, con viste panoramiche spettacolari sul maestoso ghiacciaio Pia.
Nel pomeriggio preparatevi ad assistere ad uno degli spettacoli della natura più suggestivi di tutta la Patagonia, “l’Avenida de Los Glaciares” (la Via dei Ghiacciai). Mentre la nave solca le acque dentro cui si riflette la natura stupefacente, potrete godere delle bellezze che scorrono davanti ai vostri occhi, enormi lastre di ghiaccio, la cordigliera di Darwin e imponenti ghiacciai, mentre consumate un caffè o un tè, dal ponte principale, dalla sala o dalla biblioteca della nave Australis.

4° Giorno: Parco Nazionale di Capo Horn - Baia Wulaia

Dopo aver navigato durante la mattinata lungo il Canale di Murray e la Baia di Nassau, la prossima attesa destinazione è il Parco Nazionale di Capo Horn, dichiarato Riserva della Biosfera dall’UNESCO nel giugno 2005, noto sia per i suoi sentieri remoti che per il suo clima decisamente instabile! Capo Horn è uno sperone roccioso e selvaggio situato all’incirca nel punto d’incontro tra l’Oceano Atlantico e l’Oceano Pacifico, il che significa che non solo è totalmente isolato e inabitabile, ma anche i mari circostanti sono notoriamente indimenticabili per le correnti contrastanti. Tuttavia, quando il meteo è a favore, l’unica crociera di spedizione a cui è concesso di sbarcare su Capo Horn è l’Australis, dove avvisterete la fauna locale e sarete spettatori di panorami incomparabili. Un’esperienza emozionante, davvero unica nella vita.
Si prosegue per la storica Baia Wulaia, dove un tempo prosperava uno dei più grandi insediamenti di nativi Yamana. Charles Darwin e il capitano FitzRoy visitarono questo luogo all’inizio del XIX secolo. Sulla terraferma c’è un vecchio edificio radio, che Australis ha trasformato in un interessante museo, contenente la turbolenta storia tra gli abitanti nativi Yamana e i colonizzatori, e della più ampia composizione geografica dell’area. Baia Wulaia è uno spettacolo mozzafiato da vedere, con la sua vegetazione unica, la geologia e i sentieri panoramici inondati da varie specie floreali come Lenga, Coigue, (alberi autoctoni) Cannella e Felci. Una volta sbarcati, avrete la possibilità di praticare, a scelta, una tra le tre invitanti escursioni proposte dalle guide Australis.

5° Giorno: Ushuaia

Giunti al quinto giorno, la vostra esclusiva crociera patagonica volge al termine. La nave attraccherà nel porto della città di Ushuaia – la capitale della Terra del Fuoco, la più meridionale del mondo. Sbarcate intorno alle 8.30 del mattino e godetevi il tempo libero visitando la deliziosa cittadina, fino al momento della partenza del vostro volo di rientro o di continuazione del viaggio.

Video:

 

BROCHURE DESCRITTIVA:  per visionare/scaricare la brochure

Informazioni sul viaggio:

NOTA: È generalmente possibile effettuare le spedizioni descritte negli itinerari. Tuttavia, la compagnia si riserva il diritto di modificare, modificare o omettere parti di queste rotte senza preavviso, al fine di preservare il benessere e la sicurezza dei passeggeri, proteggere l’ambiente o per qualsiasi circostanza straordinaria, forza maggiore o incidente che richieda tali modifiche. Per le stesse ragioni, ci possono essere possibili cambiamenti nella partenza o nell’arrivo delle imbarcazioni. Analogamente, è impossibile garantire l’osservazione degli uccelli e degli animali a causa del loro movimento permanente.

  • Le navi: caratteristiche - cabine
    VENTUS AUSTRALIS:
    Stagione di lancio
    : 2017-2018
    Capacità passeggeri: 210
    Totale cabine: 100
    STELLA AUSTRALIS:
    Anno di costruzione: 2010
    Capacità passeggeri: 210
    Totale cabine: 100
    TIPOLOGIA CABINE (per entrambe le navi):

    – Cabine B: 3
    – Cabine A: 34
    – Cabine AA: 36
    – Cabine AAA: 23
    – Cabine Superior AA: 2
    – Cabine AAA Superiore: 2

    pianta cabine
    mappa ponti
  • Comfort di bordo:

    Entrambe le navi da spedizione in Patagonia – la Stella Australis e la Ventus Australis – sono state costruite appositamente per garantire una navigazione estremamente confortevole, sicura e rispettosa dell’ambiente, attraverso gli stretti corsi d’acqua e i canali della Terra del Fuoco. Inoltre, con solo 100 cabine spaziose disponibili su entrambe le navi, le escursioni in piccoli gruppi, la presenza fondamentale delle nostre guide esperte, del personale e dell’equipaggio, potrete essere certi di vivere un’esperienza intima. Lo stile dell’arredamento a bordo è moderno, camere con bagno privato con finestre di grandi dimensioni, aree pubbliche tranquille dove poter leggere, seguire interessanti conferenze o semplicemente guardare il mondo che passa, un suggestivo salotto, un ponte panoramico e un fantastico ristorante. Per tutto lo staff di Australis, l’obiettivo è provvedere a tutto ciò di cui avete bisogno per rendere la crociera patagonica unica nel suo stile, rispettando i vostri ritmi. Questo significa che potrete scegliere a quali emozionanti escursioni o seminari partecipare: sulla glaciologia, la geografia, la storia, la flora e la fauna della Terra del Fuoco e della Patagonia. Trascorrete il resto del vostro tempo libero a bordo delle nostre amate navi.

  • Gatronomia:

    Nessuna crociera di lusso attraverso i remoti fiordi della Patagonia – con i suoi incantevoli siti e le sue meraviglie naturali ultraterrene – sarebbe completa senza un ristorante gourmet dove poter appagare il proprio palato. Il viaggio enogastronomico con Australis è eccellente, al pari delle escursioni. A bordo di Stella e Ventus Australis ci sono un ristorante e un lounge bar stellati, con un’offerta di vini pregiati e una cucina internazionale del famoso chef peruviano Emilio Peschiera.
    La colazione e il pranzo sono a buffet e varia ogni giorno. Dolci e pane preparati al momento, formaggi, insalate e zuppe, pasta, tagliatelle e sushi, le classiche empanadas sudamericane, le cozze alla francese, il ceviche, e molto altro ancora. La cena è una delizia di quattro portate, con delicati piatti a base di pesce, antipasti italiani o leggere minestre di stagione, stufati sostanziosi, specialità asiatiche o un taglio di bistecca di prima scelta – sempre di provenienza locale e con la massima attenzione alla sostenibilità. Con un piccolo preavviso al momento della prenotazione, vengono soddisfatte differenti esigenze dietetiche. Il tè, il caffè e la cioccolata calda possono essere serviti tutto il giorno.

  • Attività:

    Durante la navigazione si potrà partecipare a seminari e conferenze a tema, visitare la biblioteca e leggere testi riguardanti la glaciologia, la geografia, la storia, la flora e la fauna della Terra del Fuoco e della Patagonia.

  • Cultura e conoscenza a bordo:

    Una parte importante dell’esperienza sulle navi Australis è la ricchezza di conoscenza a disposizione di tutti gli ospiti, durante ogni crociera nella Patagonia meridionale proposta da La Compagnia. Ciò grazie alla biblioteca di bordo, con libri interessanti e informativi sulla regione, e ai regolari seminari, conferenze e presentazioni tenute dalle esperte guide naturalistiche dell’Australis. Le guide di spedizione sono le migliori del settore e vi guideranno attraverso la geografia della Patagonia, la glaciologia, i campi di ghiaccio, l’avifauna, i mammiferi marini, le colonie di pinguini e di leoni marini, la flora e le specie endemiche, le stagioni, la storia e le sfide di questa fragile parte del mondo. Il consiglio è quello di sfruttare al meglio questa inestimabile opportunità e di tornare a casa attrezzati di una conoscenza diretta di ciò che rende la Patagonia australe così speciale.

    Durante il viaggio, grazie ad interessanti conferenze tenute dallo staff di spedizione di Australis, che si svolgeranno a bordo ed a terra, potremmo scoprire importanti aspetti della flora e fauna e della storia e geografia di questa leggendaria regione.

    Itinerario di Navigazione:
    “Itinerario di Navigazione” è la prima conferenza a cui assistono i passeggeri. L’obiettivo è presentare la Patagonia al mondo, illustrando tanto il percorso della crociera ed i luoghi di sbarco quanto gli aspetti climatici e l’equipaggiamento da indossare durante l’escursioni.

    La Glaciologia in Patagonia:
    Dal punto di vista del paesaggio si parla di “Glaciologia in Patagonia” per
    spiegare i processi naturali che hanno originato il paesaggio del pianeta, della Patagonia e della Terra del Fuoco. Si parlerà dell’origine dei ghiacciai, delle loro forme e colori, del loro stato passato ed attuale, sottolineando l’importanza di salvaguardare l’ambiente ed il pianeta.

    Alla scoperta della Terra del Fuoco:
    Si illustreranno le attività di sbarco previste per il giorno successivo presso il mitico Capo Horn, con una presentazione fotografica del luogo di sbarco e delle possibili condizioni climatiche. Si forniranno, inoltre, istruzioni per godere in tutta sicurezza della spedizione e si commenteranno il monumento all’Albatro, la cappella, il faro, la storia dei Caphorniers, la navigazione nel Sud e la sua importanza oggigiorno.

    Anticipazioni sulla Bahía Wulaia *:
    Si illustrerà lo sbarco nella baia e le diverse soluzioni di gruppi per la
    camminata in collina con commenti sul livello di difficoltà, e la camminata
    lungo la spiaggia. Seguiranno una presentazione fotografica del luogo e notizie sull’importanza della baia dal punto di vista antropologico (Yaganes) e dal punto di vista storico (Darwin, Fitz Roy, Jemmy Button).

    Anticipazioni sull’escursione a Capo Horn *:
    Si illustreranno le attività di sbarco previste per il giorno successivo presso il mitico Capo Horn, con una presentazione fotografica del luogo di sbarco e delle possibili condizioni climatiche. Si forniranno, inoltre, istruzioni per godere in tutta sicurezza della spedizione e si commenteranno il monumento all’Albatro, la cappella, il faro, la storia dei Caphorniers, la navigazione nel Sud e la sua importanza oggigiorno.

    Vita a bordo:
    Sarà la prima conferenza illustrativa sul funzionamento della nave, accompagnata da una rassegna sulle escursioni neiparchi nazionali, con indicazioni sulla politica di protezione ambientale adottata da Australis.

    Visita al ponte di comando:
    le guide, insieme al comandante di turno, conducono visite al ponte di comando, alle tavole nautiche e ai dispositivi di sicurezza della nave.

    Visita alla sala macchine:
    Le guide dei diversi gruppi, insieme agli ingegneri di turno, conducono i
    passeggeri in una visita alla sala macchine della nave.

    * Le “Anticipazioni” sono i momenti nei quali si illustrano le attività del giorno successivo. Con l’aiuto delle mappe di navigazione e con supporti fotografici daremo ai passeggeri tutte le indicazioni sulle attività previste durante il viaggio.

  • Escursioni:

    Gli scenari straordinari del sud della Patagonia sono noti per la loro varia e spettacolare caratteristica geografica, gli enormi ghiacciai, le foreste autoctone e la fauna selvatica unica. Tutto ciò potrete ammirarlo stando comodamente a bordo di una nave Australis, oppure durante le avvincenti escursioni a terra. Avrete la possibilità di avvistare leoni marini, castori, balene, delfini e una grande varietà di specie di uccelli come gabbiani, sterne, petrelli giganti, cormorani, albatros, anatre e condor, oltre a una delle più grandi colonie di pinguini dell’emisfero australe. Tutto ciò che la Terra del Fuoco ha da offrire può essere visto da vicino a bordo di agili gommoni zodiac, durante interessanti escursioni guidate, o nel corso di piacevoli camminate attraverso i boschi più a sud della terra, lungo la costa o addirittura fino all’imponente fronte di un ghiacciaio.

    Isole Tuckers Islets:
    Sugli Isolotti Tucker, spazzati dal vento, potrete vedere da vicino, comodamente seduti a bordo dello Zodiac, colonie di cormorani e di pinguini di Magellano; non dovrete nemmeno mettere piede sulla terraferma per ammirare lo spettacolo! Poiché entrambe queste specie sono autoctone solo dell’emisfero meridionale, è una tappa imperdibile e straordinariamente isolata.

    Baia di Ainsworth:
    Uno dei punti più spettacolari della Patagonia, la Ainsworth Bay si affaccia su un lungo fiordo circondato da foreste primarie sub-polari. Situata vicino al ghiacciaio Marinelli, nel cuore della Cordigliera di Darwin, nel Parco Nazionale Alberto De Agostini, la Baia di Ainsworth è un’ottima occasione per conoscere la fauna selvatica autoctona – compresa una diga di castori – e vedere, tutt’intorno, la bellissima foresta subantartica di Magellano. Sulla spiaggia, con un po’ di fortuna e a seconda del periodo dell’anno, è possibile avvistare elefanti marini tuffarsi nelle onde dell’incantevole Baia.

    Baia Wulaia:
    Baia Wulaia fu un tempo uno dei più grandi insediamenti della civiltà di naviganti Yamana. Charles Darwin sbarcò qui il 23 gennaio 1833, durante il suo viaggio a bordo della nave Beagle. Wulaia non è solo storicamente importante e interessante, ha anche un paesaggio incantevole da contemplare, con una vegetazione unica, una conformazione geografica suggestiva e una miriade di sentieri lungo la costa da esplorare. L’itinerario prevede camminate a piedi per ammirare la bellezza del luogo, così come trekking attraverso l’incontaminata foresta di Magellano, piena di varie specie di flora autoctona come Lenga e Coigue (Faggi australi).

    Capo Horn:
    Navigheremo lungo il Canale di Murray e la Baia di Nassau per raggiungere il Parco Nazionale di Capo Horn, dove sbarcheremo se le condizioni meteo lo permettono. Il mitico Capo Horn fu scoperto nel 1616, per anni è stata un’importante rotta di navigazione per le barche a vela tra il Pacifico e l’Oceano Atlantico. È conosciuta come la fine del mondo ed è stata dichiarata riserva mondiale della biosfera nel 2005. Capo Horn, Riserva della Biosfera dell’UNESCO, è tra le destinazioni di viaggio più amate, e per una buona ragione. È un affioramento roccioso dove si incontrano l’Oceano Atlantico e l’Oceano Pacifico e quando le condizioni meteorologiche sono estreme, i mari sono molto pericolosi da navigare. Infatti, durante l’inverno, i venti che ululano intorno a Capo Horn sono di una forza incredibile e provocano onde spaventose.
    Australis prevede di sbarcare a Capo Horn durante l’85% delle sue crociere, quindi con un po’ di fortuna avrai la possibilità di vivere questa emozionante esperienza e imparerai dalla tua guida le leggende che ruotano attorno al mitico sito.

    Ghiacciaio Pía:
    Navigheremo lungo il braccio nord-occidentale del Canale Beagle per entrare e sbarcare nel fiordo Pía. Faremo un’escursione fino al punto panoramico da dove si può vedere l’omonimo ghiacciaio, la cui lingua principale si estende dalla cima della catena montuosa fino al mare. Dopo questa indimenticabile esperienza, continueremo la nostra navigazione sotto lo sguardo maestoso dei ghiacciai della cosiddetta “Via dei Ghiacciai”. Il tempo trascorso attorno al Ghiacciaio Pìa e lungo la meravigliosa Avenida de Los Glaciares è un’esplosione di emozioni. Per prima cosa, fate un’escursione verso un punto panoramico, ideale per ammirare le maestose montagne che avvolgono il Ghiacciaio Pìa. Poi, saliti a bordo della nave, dirigetevi verso il ponte di osservazione e godetevi la sfilata lungo la splendida “Avenida de Los Glaciares”, ammirando la magnifica vista sui ghiacciai che si riversano giù dalla cordigliera di Darwin.

  • EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO PER LA SPEDIZIONE:

    • SCARPE DA TREKKING IMPERMEABILI
    • PANTALONI IMPERMEABILI
    • PULLOVER
    • GIACCA IMPERMEABILE
    • CAPPELLO DI LANA
    • GUANTI IMPERMEABILI
    • OCCHIALI DA SOLE
    • PROTEZIONE SOLARE

Approfondimenti:

Vuoi maggiori informazioni sull’Argentina? 

Vuoi maggiori informazioni sul Cile? 

Prezzi e date:

Itinerario “I FIORDI DELLA TERRA DEL FUOCO”, da Punta Arenas a Ushaia (5 giorni-4 notti):

Quote per persona a partire da *:

partenze da PUNTA ARENAS prezzi indicativi del mese *
minimo massimo
21, 29 settembre 2024 USD 1.965 USD 2.665
07, 15, 19, 23, 27 ottobre USD 2.675 USD 3.775
04, 08, 12, 16, 20, 24, 28 novembre USD 3.955 USD 5.155
02, 06, 10, 14, 18, 22,26, 30 dicembre USD 3.955 USD 5.155
03, 07, 11, 15, 19, 23, 27, 31 gennaio 2025 USD 3.955 USD 5.155
04, 08, 12, 16, 20, 24, 28 febbraio USD 3.955 USD 5.155
04, 08, 12, 16, 20, 24 marzo USD 2.675 USD 4.455
01 aprile USD 1.965 USD 2.465

* Il prezzo “a partire da” può variare in base alla disponibilità delle cabine per ognuna delle date di partenza

Supplemento singola: su richiesta

Bambini/ragazzi: su richiesta

Tasse d’imbarco: non incluse, da circa USD 70 per persona (importo soggetto a variazione senza preavviso)
includono: le tasse portuali di Ushuaia e di Punta Arenas, le tasse relative ai parchi nazionali e le tasse migratorie

Quota individuale di gestione pratica: € 95

Assicurazione annullamento-medico-bagaglio: da quotarsi in base al costo totale del viaggio

La quota crociera comprende:

  • alloggio nella tipologia di cabina prescelta
  • tutti i pasti e le bevande
  • escursioni
  • attività a bordo
  • open bar

La quota crociera NON comprende:

  • tutti i voli e relative tasse aeroportuali
  • pernottamenti e servizi pre/post crociera
  • le mance (si consigliano 15 dollari al giorno)
  • le telefonate via satellite
  • gli acquisti effettuati presso la boutique di bordo
  • extra di carattere personale
  • assicurazione annullamento-medico-bagaglio
  • quota individuale di gestione pratica
  • tutto quanto non incluso in programma e/o alla voce “la quota crociera comprende”

Formalità d'ingresso:

ARGENTINA: Informazioni utili
Scopri di più
ARGENTINA: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, in corso di validità. Le competenti autorità locali non richiedono che il passaporto abbia una durata residua minima. Considerato tuttavia che il limite per i soggiorni turistici è di 3 mesi, con possibilità di chiedere una proroga fino a sei mesi, si consiglia di viaggiare con un passaporto che abbia una durata residua di almeno 6 mesi.
Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI
Viaggio all’estero di minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – Documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto d’ingresso: non necessario per soggiorni turistici inferiori a tre mesi.
Si consiglia in ogni caso di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Formalità valutarie: All’arrivo, i viaggiatori maggiori di 16 anni devono presentare una dichiarazione scritta alle Autorità doganali se in possesso di denaro contante o strumenti monetari in valuta straniera o locale per valori uguali o superiori a 10.000 dollari USA (5.000 dollari USA per minori di 16 anni).
E’ consentito uscire dal Paese con valuta straniera in contanti o metalli preziosi per un valore inferiore alla soglia di 10.000 dollari USA (5.000 dollari USA per minori di 16 anni).
Il possesso di valuta locale per importi equivalenti o superiori deve essere dichiarato all’autorità doganale.
Per quanto riguarda le operazioni di cambio all’Aeroporto, è possibile acquistare pesos all’arrivo per un totale non superiore all’equivalente di 500 dollari USA al tasso di cambio ufficiale del giorno.
Sulla base di disposizioni interne del Banco Nación Argentina, unico ente che è rimasto abilitato alle operazioni di cambio all’Aeroporto di Ezeiza dal 26/07/12, in uscita è possibile cambiare pesos in valuta straniera soltanto se si può dimostrare di aver acquisito pesos presso lo stesso sportello al momento dell’ingresso al Paese.
In tutte le grandi città del Paese, esiste una rete molto diffusa di sportelli bancari automatici per il prelievo di moneta locale con carta bancomat o di credito anche straniera, entro i limiti giornalieri prestabiliti dalla locale rete bancomat e dalla banca italiana d’origine.

CILE: Informazioni utili
Scopri di più
CILE: Informazioni utili

Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di minori”.

Visto d’ingresso: non necessario, per turismo fino a tre mesi (90 giorni) di permanenza nel Paese.
Si raccomanda di fare attenzione a non smarrire la copia del foglietto di immigrazione compilato all’atto di ingresso nel Paese, necessario per l’uscita dal Cile. In caso di furto occorre  denunciarlo immediatamente.

Formalità valutarie: nessuna. Non è possibile fare ingresso in Cile con importi in contanti non dichiarati superiori ai 10.000 USD.
La valuta straniera in Cile può essere liberamente cambiata nel Paese. Il Peso è convertibile in tutte le monete. Le Società commerciali sono, sotto il profilo giuridico, simili a quelle italiane.
Ulteriori informazioni sono reperibili consultando i seguenti siti: http://www.ambsantiago.esteri.it ;
http://www.infomercatiesteri.it/paese.php?id_paesi=40#slider-2

Controlli fitosanitari alle frontiere: al momento dell’ingresso nel Paese viene richiesto ai viaggiatori di compilare un modulo nel quale si dichiara l’eventuale presenza di frutta, miele, prodotti di origine vegetale (tra cui manufatti in legno) o animale (formaggi, insaccati, ecc.) ed altro.
Si invitano i viaggiatori a prestare particolare attenzione nella compilazione di tale dichiarazione, poiché vengono realizzati controlli capillari presso tutte le frontiere di ingresso (terrestri, portuali ed aeroportuali) da parte del SAG (Servicio Agricola y Ganadero), che provvede all’attento esame dei veicoli e di tutti i bagagli, anche tramite apparecchiature a raggi X.
Nel caso di rinvenimento di prodotti il cui ingresso e’ vietato nel Paese, essi vengono sequestrati e distrutti. Nel caso in cui non si sia provveduto a dichiararne il possesso, vengono applicate sanzioni pecuniarie anche rilevanti.
Onde evitare inconvenienti, si suggerisce di visionare preventivamente il sito web del SAG (www.sag.cl) nella sezione ingreso/salida de Chile/pasajeros, dove sono elencati i prodotti autorizzati e quelli vietati.
In caso di dubbio sul contenuto del proprio bagaglio o su specifici oggetti, si consiglia di dare risposta affermativa nella dichiarazione circa la possibile presenza di prodotti di origine animale o vegetale, lasciando ai funzionari del SAG la facoltà di identificare l’eventuale presenza di prodotti effettivamente vietati: in tal caso, i prodotti che dovessero essere rinvenuti verrebbero sequestrati, senza incorrere in sanzione alcuna.