UGANDA

La Terra dei Gorilla

11 giorni - 8 notti
Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci per maggiori informazioni oppure chiederci di prepararti un preventivo: i nostri Consulenti sono a tua disposizione …

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Obbligatorio e indirizzo email valido
Campo obbligatorio
Vuoi maggiori
informazioni?

Il Viaggio

Questo tour combina i principali parchi e riserve dell’Uganda, la “Perla d’Africa”. Dalle Murchison Falls, spettacolare salto del Nilo Bianco, si scende sud verso il Kibale Forest National Park, santuario naturalistico che ospita 13 specie di primati tra cui numerosi scimpanzé. Dopo il Queen Elizabeth arriva il momento più emozionante: l’incontro con i Gorilla di Montagna nella Bwindi Impenetrable Forest.

“… A pochi passi da loro, alcuni, specie i cuccioli ed i giovani adulti, si sono avvicinati oltre ogni limite sino a togliermi la macchina fotografica e ad esaminare la fibbia del mio zaino. Uno di loro s’è persino messo a giocare con i lacci dei miei scarponi. Avevo la sensazione che non immaginasse che gli scarponi, in verità, non fossero parte di me …”
Diane Fossey, gennaio 1970, National Geographic.

Programma di viaggio

1° giorno: Italia - Entebbe

Partenza dall’Italia con voli notturni per l’Uganda, via scalo internazionale.

2° giorno: Entebbe - Kampala

Arrivo nel pomeriggio all’aeroporto internazionale di Entebbe. Disbrigo delle formalità doganali e ottenimento del visto turistico (costo circa $100), incontro all’uscita degli arrivi internazionali con la guida e trasferimento a Kampala, capitale del paese, che dista una cinquantina di chilometri dallo scalo aeroportuale. Cena libera e pernottamento.

3° giorno: Kampala - Ziwa Rhino Sanctuary - Murchison Falls National Park

La meta odierna è il Murchison Falls National Park ma lungo la strada effettueremo una sosta allo Ziwa Rhino Sanctuary, una riserva naturalistica votata alla reintroduzione in Uganda dei rinoceronti, scomparsi nel resto del paese dall’inizio degli anni ottanta. Breve safari alla ricerca dei pachidermi. Dopo pranzo si prosegue per la destinazione odierna.
Cena e pernottamento in lodge.

4° giorno: Murchison Falls National Park

Di buon mattino colazione fotosafari in 4×4 con ranger parlante inglese attraverso savana e foresta tropicale alla ricerca della fauna locale che annovera grandi mammiferi (leoni, leopardi, iene, bufali, elefanti, oribi, kob) e un’abbondante avifauna. Dopo pranzo crociera sul Nilo raggiungendo la base delle Cascate. Cena e pernottamento in lodge.

Il Murchison Falls National Park è il più vasto parco nazionale dell’Uganda, inserito nel contesto del Murchison Falls Conservation Area, un sistema di aree protette che include anche gli adiacenti Bugungu Wildlife Refuge e Karuma Wildlife Refuge. Il parco si trova nella parte nordoccidentale del paese, a circa 40 km da Masindi. Comprende un tratto della costa del Lago Alberto, ed è diviso in due dal Nilo Vittoria (o Nilo Bianco), che dà origine alle Cascate Murchison da cui il parco prende il nome. Il parco comprende diversi habitat equatoriali e tropicali, ad altitudini comprese fra 500 e 1.290 m s.l.m. La ricchezza faunistica della zona è stata in gran parte ripristinata dopo i pesantissimi danni subiti da parte di bracconieri e dello stesso esercito durante la dittatura di Idi Amin. Nel parco si trovano tra l’altro bufali, giraffe, facoceri, leoni, leopardi, ippopotami, coccodrilli, elefanti, scimpanzé, e una ricchissima avifauna.

5° giorno: Murchison Falls - Kibale Forest National Park

Di primo mattino partenza per il Kibale Forest National Park. Una lunga giornata di trasferimento (9/10 ore) attraversando un territorio decisamente fertile e rigoglioso con abbondanza di piantagioni di thè, cotone, canna da zucchero e banane attorniate da villaggi dove la vita scorre secondo i placidi ritmi africani.
Pranzo lungo la strada, cena e pernottamento in lodge.

6° giorno: Kibale Forest - Queen Elizabeth National Park

Di buon mattino, dopo la prima colazione trasferimento al parco Kibale per un safari a piedi di tre ore con l’assistenza di una guida locale parlante inglese, alla ricerca dei clan di scimpanzé che popolano la fitta foresta tropicale. Molto ricca anche l’avifauna, molto rari gli avvistamenti dii grandi mammiferi come elefanti della foresta o leoni. Dopo pranzo partenza per il Queen Elizabeth National Park, la più conosciuta e scenografica riserva naturale del paese. Il parco, prospiciente il Lago Edoardo, si stende dalle falde del Ruwenzori fino al fiume Ishasha e presenta una grande varietà di habitat tra cui savana, acquitrini e foresta. Nel pomeriggio primo foto safari nel parco.
Pranzo al sacco, cena e pernottamento in lodge.

Kibale Forest National Park
Istituito nel 1993, il Parco Nazionale di Kibale copre una superficie di circa 560 km² che comprende diversi habitat: foresta pluviale e semi-decidua, prateria e palude. Il parco è noto per varietà e concentrazione di primati, tra le maggiori dell’Africa. Qui si trovano, infatti, 13 specie di primati oltre a una ricchissima avifauna e numerosissime farfalle.

7° giorno: Queen Elizabeth National Park

Di primissimo mattino safari in jeep nel parco alla ricerca degli animali che popolano questo vasto parco, nella speranza di poter avvistare alcuni dei grandi mammiferi come leoni, bufali, elefanti o leopardi.
Nel pomeriggio escursione in battello sul Kazinga Channel che collega il lago Giorgio al lago Edoardo, popolato da coccodrilli e ippopotami mentre le rive sono animate da grandi branchi di elefanti. Pasti e pernottamento in lodge.

Il Queen Elizabeth National Park, fondato nel 1954 prende il nome dalla sovrana del Regno Unito, si sviluppa attorno al canale di Kazinga che unisce i laghi Giorgio e Edoardo e confina a nord con il parco Kibale Forest e il Parc National des Virungas nella Repubblica Democratica del Congo. Ricca la presenza di fauna con 95 specie di mammiferi (tra cui elefanti, leopardi, bufali, ippopotami e antilopi di numerose specie) e oltre 600 specie di uccelli.

8° giorno: Queen Elizabeth National Park - Bwindi Impenetrable Forest

Partenza di buon mattino e lunga mattinata di trasferimento verso Bwindi Impenetrable Forest, percorrendo strade e piste non sempre agevoli tra verdi colline fittamente coltivate che danno alla regione il soprannome di “Svizzera d’Africa”. Arrivo a Bwindi in tempo per il pranzo. Pomeriggio a disposizione.
Pasti e pernottamento in lodge.

9° giorno: Gorilla Safari

Di buon mattino partenza per il Gorilla Safari che, guidato da un ranger locale di guida inglese e con un massimo di 8 partecipanti, vi impegnerà dalle due alle otto ore, percorrendo sentieri nel cuore della foresta tra la vegetazione fitta, in funzione del tempo necessario a raggiungere i gruppi di gorilla di montagna abituati alla presenza umana. Una volta localizzati i gorilla e trascorso il tempo massimo assegnato per il contatto ravvicinato (1 ora circa) rientro all’ufficio principale del parco. Nonostante la brevità l’incontro con i Gorilla di Montagna sarà un’esperienza toccante ed emozionante che lascerà il segno. Resto della giornata a disposizione. Pranzo al sacco, cena e pernottamento in lodge.

L’avvistamento dei gorilla, che vivono allo stato libero nel parco, non è garantito. Il trek può risultare faticoso sia per la durata che per il terreno talvolta accidentato e scivoloso – caratteristico di una foresta pluviale – e il clima tropicale umido. Vanno inoltre considerati gli effetti dell’altitudine: i gorilla di montagna vivono, infatti, oltre i 2200 metri di quota. Si sconsiglia pertanto questa attività a chi soffra di problemi cardiocircolatori. Età minima: 15 anni compiuti.

Bwindi Impenetrable Forest è un parco nazionale, patrimonio mondiale dell’Unesco, nei pressi del confine con la Repubblica Democratica del Congo. Nonostante la superficie ridotta, 331 kmq, il parco ospita uno degli ecosistemi più ricchi e variegati dell’Africa con una grandissima varietà di flora e fauna e numerosi endemismi. La maggiore attrazione del parco non è tanto la sua biodiversità ma la presenza del 50% della popolazione mondiale di Gorilla di Montagna ridottasi, a causa della costante perdita di habitat, a circa 600 esemplari. Famosi per gli studi compiuti da Diane Fossey, i Gorilla di Montagna sono primati timidi e pacifici che vivono in gruppi familiari da 8 a 20 individui guidati da un maschio dominante detto Silverback.

10° giorno: Bwindi - Lake Mburo National Park

Dopo la prima colazione partenza per il Lake Mburo National Park con pranzo in ristorante. Arrivo nel pomeriggio nel parco in tempo per un safari in 4×4. Nonostante le dimensioni ridotte, 380 kmq, il parco offre un’ampia diversità di habitat come foreste, savane alberata e zone umide con una fauna che comprende numerose specie di antilopi (impala, oribi, bushbucks, reedbucks e topi) e di uccelli.
Pranzo lungo la strada, cena e pernottamento in lodge.

11° giorno: Lake Mburo - Entebbe - Italia

Di buon mattino partenza per un safari a piedi guidato da un esperto ranger locale. Lake Mburo è uno dei due parchi dell’Uganda dove questa attività è permessa ed è sicuramente il miglior modo per dare l’addio alla “Perla d’Africa”. Pranzo lungo la strada. Arrivo in aeroporto e imbarco sul volo notturno per l’Europa.

12° giorno: Italia

Arrivo in Italia e termine del viaggio.

Informazioni sul viaggio:

VIAGGIO SPARTANO ADATTO ESCLUSIVAMENTE A VERI VIAGGIATORI CON SPIRITO DI ADATTAMENTO:  il viaggio si svolge in un paese africano apertosi al turismo solo di recente. I ritmi africani sono diversi dai nostri e la qualità delle sistemazioni, specialmente nella categoria turistica, è semplice se non spartana.
Occorre quindi essere pronti ad eventuali contrattempi che nel corso del viaggio potrebbero verificarsi per disservizi locali: lo staff locale garantisce però il più serio impegno per la migliore riuscita del viaggio.

Importante:
– l’itinerario potrà subire delle variazioni a discrezione dell’organizzazione e in base alle disponibilità dei permessi per i gorilla e alle condizioni delle strade
– gli avvistamenti di gorilla non possono naturalmente essere garantiti durante il “GORILLA TRACKING“, parliamo sempre di animali selvaggi; ultimamente, tuttavia, si registra un successo pari al 95%.

  • Caratteristiche del viaggio:

    Tipologia: Viaggio individuale
    Durata: 12 giorni – 9 notti
    IMPORTANTE: Autista-guida di lingua inglese (parlante italiano con supplemento, se disponibile)
    Partecipanti: minimo 2 partecipanti
    Sistemazione: Hotel e Lodge di Categoria Turistica
    Trattamento: Pensione completa dalla prima colazione del 3° giorno al pranzo del 9° giorno.
    Pasti in ristoranti, negli alberghi (menu turistici) o picnic come indicato nel programma
    Trasporti: Veicoli 4×4 dotati di tettuccio apribile per i fotosafari (spazio ridotto a bordo, si raccomanda un bagaglio non eccessivo contenuto in valigie morbide)
    Gorilla Trekking: non permesso a ragazzi fino ai 16 anni compiuti

  • Consigli utili:

    Si consiglia di premunirsi di pellicole fotografiche prima della partenza essendo difficile trovarle in loco ed a prezzi più elevati. È bene munirsi di medicine di uso personale. Preghiamo di non lasciare mai incustoditi oggetti di valore ed apparecchiature fotografiche sia negli alberghi che nei pulmini.

    CLIMA
    Il clima è tropicale, mitigato dall’altitudine. La temperatura è relativamente costante tutto l’anno con giornate calde (20°/27°C) e notti fresche (10°/18°C). Clima umido nelle foreste. Il trekking dei gorilla avviene sempre su terreno fangoso e bagnato, ma il periodo migliore è compreso tra giugno e settembre. Di norma piove a marzo/maggio e ottobre/novembre.

    ABBIGLIAMENTO & BAGAGLIO
    Per i safari si consiglia di munirsi di indumenti pratici e leggeri, scarpe comode da trekking, un copricapo ed occhiali da sole. Alla sera per proteggersi dagli insetti è raccomandabile indossare camicie a manica lunga e pantaloni. Per le escursioni nella Bwindi Impenetrable Forest e nel Parco Nazionale dei Vulcani suggeriamo invece un abbigliamento più caldo per la notte. Raccomandiamo di limitare al minimo il proprio bagaglio, molti dei lodges dispongono di servizio di lavanderia, e di utilizzare borse/sacche morbide. In ogni caso gli hotel di Kampala possono garantire il deposito del bagaglio in eccesso. Per chi effettua il Gorilla Tracking consigliamo uno zainetto impermeabile, scarpe leggere da trekking impermeabili, macchina fotografica (ma non sarà permesso usare il flash), guanti di pelle, giacca e pantaloni antipioggia, T-shirt e pantaloni lunghi ma leggeri, un cappellino impermeabile e una borraccia per l’acqua. OBBLIGATORIO: utilizzo di borse/sacche morbide con un peso inferiore ai 20kg.

    La franchigia bagaglio che appare sul biglietto deve essere rispettata. L’eccedenza, a partire da 1Kg in più sarà trasportata a spese dell’interessato. La spesa varia dai 10 ai 70 Euro al Kg. Per quanto riguarda i voli interni la franchigia bagaglio è di 15Kg. OBBLIGATORIO limitare al minimo il proprio bagaglio, utilizzando ESCLUSIVAMENTE BORSE/SACCHE MORBIDE con peso inferiore ai 20 kg per via dei mezzi utilizzati.

    CERTIFICATI SANITARI:
    Obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla, come deciso nell’estate del 2016 dalle autorità nel paese. Consigliamo la profilassi antimalarica e in ogni caso di rivolgersi sempre a un ufficio ASL/centro vaccinazioni internazionali prima della partenza.

  • LE SISTEMAZIONI:
    • Kampala: hotel Cassia Lodge
    • Murchison Falls National Park: Murchison River Lodge
    • Kibale Forest National Park: Chimpanzee Forest Guest House.
    • Queen Elizabeth National Park: Ihamba Hill Lodge
    • Bwindi Impenetrable Forest: Chameleon Hill Lodge
    • Lake Mburo National ParkRwakobo Rock Lodge

    N.B. Le sistemazioni previste potrebbero essere sostituite con altre similari di pari categoria

Approfondimenti sul Paese:

Vuoi maggiori informazioni sull’Uganda? Clicca qui

Prezzi e date:

12 giorni – 9 notti
Safari – minimo 2 partecipanti
Autista-guida in lingua inglese

Quote per persona “a partire da” *

partenze in camera doppia supplemento
singola
min. 2 partec. min. 4 partec. min. 6 partec.
dal 07 gennaio al 21 luglio 2021 € 5.090 € 3.930 € 3.650 € 580
dal 22 luglio al 31 agosto € 5.570 € 4.450 € 4.090 € 600
dal 01 settembre al 31 ottobre € 5.090 € 4.030 € 3.650 € 580
suppl. per guida in italiano € 540 € 280 € 190

* quote sempre soggette a riconferma al momento della prenotazione

Quota individuale di gestione pratica: € 75

Tasse aeroportuali: € 400 circa (soggette a riconferma all’emissione dei biglietti)

Assicurazione annullamento, medico, bagaglio: inclusa nelle quote

Permesso Gorilla Tracking (importo soggetto a variazioni senza preavviso):
.. fino al 30 giugno 2021: € 700
.. dal 01 luglio 2021: € 800
NOTA BENE: i permessi devono essere tassativamente pagati al momento della conferma del viaggio e non sono rimborsabili in caso di cancellazione

Visto d’ingresso per l’Uganda: $ 100 da pagarsi in loco (importo soggetto a possibili variazioni senza preavviso)

La quota comprende:

  • passaggi aerei in classe economica speciale con Emirates, Qatar Airways o Ethiopian Airlines
    1) al momento della prenotazione verificate che il nome comunicato corrisponda esattamente a quello riportato sul passaporto. Eventuali spese di riemissione a causa di nomi comunicati errati saranno a carico del cliente. A tale proposito consigliamo di trasmettere via fax o e-mail la copia del passaporto.
    2) per evitare spiacevoli imprevisti preghiamo i cittadini con passaporto straniero di comunicarlo in fase di preventivo, o nel momento stesso della prenotazione, per verificare eventuali visti d’ingresso richiesti.
  • assistenze e trasferimenti come indicati
  • autista-guida locale di lingua inglese per tutta la durata del viaggio
  • trasporti a bordo di veicoli 4×4 con tettuccio apribile
  • tutte le visite ed escursioni specificate nell’itinerario
  • ingressi ai parchi
  • pensione completa dalla prima colazione del 3° giorno al pranzo dell’11° giorno come indicato nel programma – pranzi al sacco e menu turistici nei lodge e campi previsti
  • pernottamenti nelle strutture indicate o simili
  • assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo

La quota non comprende:

  • tasse aeroportuali indicative (il totale delle tasse aeroportuali ed eventuali fuel surcharge sono soggetti a riconferma in fase di emissione biglietti aerei)
  • permessi per il Gorilla Tracking (NOTA BENE: i permessi devono essere tassativamente pagati al momento della conferma del viaggio e non sono rimborsabili in caso di cancellazione)
  • eventuale supplemento per guida parlante italiano
  • bevande negli hotel e durante i pasti
  • pasti non menzionati
  • visto d’ingresso per l’Uganda
  • mance per lo staff
  • eventuali facchinaggi
  • spese di consegna di eventuali bagagli in ritardo
  • quota individuale di gestione pratica
  • tutto quanto non espressamente menzionato in “La quota comprende”

Formalità d'ingresso:

UGANDA: Informazioni utili
Scopri di più
UGANDA: Informazioni utili

DOCUMENTI NECESSARI PER L’INGRESSO NEL PAESE:

Passaporto: I turisti italiani che desiderano visitare l’Uganda devono essere in possesso del passaporto con validità superiore a 6 mesi dalla data di uscita dal paese e con almeno 2 pagine libere.
Per entrare nel Paese è necessario il visto d’ingresso, ottenibile solo ed esclusivamente on-line prima della partenza dall’Italia.
Per coloro che visiteranno nello stesso viaggio due o più di questi Paesi: UGANDA, RWANDA, KENYA, BURUNDI, potrà essere richiesto, sempre on-line, un visto valido per tutti questi Paesi (EASTAFRICA VISA), sempre al costo di USD 100.
Il visto può essere richiesto collegandosi al seguente link: https://visas.immigration.go.ug

Per informazioni aggiornate, suggeriamo di consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Vaccinazioni
Nessun certificato di vaccinazione è richiesto per i turisti provenienti direttamente dall’Europa. Per chi proviene da zone dove la febbre gialla è endemica (es. Kenya, Tanzania, Etiopia, Mozambico, Zambia etc.) è obbligatorio presentare il Certificato di Vaccinazione contro la febbre gialla. Tale vaccinazione è obbligatoria anche se dall’Uganda si prosegue verso altri paesi africani o verso le isole dell’Oceano Indiano. Consigliate la profilassi antimalarica e l’adozione di misure di precauzione generale (bere solo acqua e bibite in bottiglia, senza l’aggiunta di ghiaccio ed evitare cibi crudi, lavare e sterilizzare le verdure, evitare di bagnarsi nel lago Victoria, soprattutto sottoriva, a causa della bilarzia).